Supercross Olbia 2024Supercross Olbia 2024
CUMENTI SI DIZI...

Gobbuli e gobbulai:
cun alligria pa' iffuttì
e ridendi pa' fa pinsà

di Mario Lucio Marras e Salvatore Taras

Turremmu oggi a fabiddà di gobbuli. Una cosa è sigura: n'abemmu a dipusizioni avveru assai, sia di chissi di Li Tre Re, sia di chissi più ciunfraiori. Oggi, a dì la viriddai, si leggini di più li sigundi e puru li chi ancora n'ischribini, prifirini gobbuli allegri, pa' iffuttì o, ridendi, pa' fa pinsà.
Dunca pudimmu liggì Li modi e  Lu troddiu di lu zappadori di lu nutaiu Salvatore Masala, morthu in lu 1890, la Buglia sassaresa di Salvatore Montesu (1910), la Gobbula sassaresa cumpostha pa' l'ischappini di G. Antonio Fadda (1915-20). Un althru assai interessanti è Antonino Saba (1886-1942), chi no ha ischrittu soru Pebar'in curu, ma puru la Gobbula d'una brea, Lu zappadori, La gobbula di li bagni, tutti assai cunnisciddi. Famosa assai la Gobbula di l'immusgi di Gildo Motroni -  lu c'abia briaddu cun Agniru Canu e chi abemmu già funtumaddu - ischritta  in lu 1944  e longa 392 vessi pa' accuglì propiu l'immusgi - i soprannomi - chi s'usabani in Sassari.
Una sessantina d'anni fa era assai cunnisciddu in la nostrha ziddai un cazzuraggiu, Salvatore Pinna, chi ischribia e cantaba gobbuli, chi puru Pietro Sassu abia registhraddu propiu pa' arribbà l'ammentu di chissi gobbuli. Poi v'erani tanti althri passoni chi s'ammintabani chissi più antigghi o n'ischribiani: dugna tantu in Sassari escini a pizu da li carasci cosi vecci e beddi assai.
Ma a oggi cumenti semmu posthi? Beh, li cosi so ciambaddi assai, li tempi hani traifuimmaddu usi e abitudini di tutti, nisciunu, o guasi, esci più a cantà a Li Tre Re e a dummandà carigga e nozi e so avveru pogghi li chi ancora s'attribini a ischribì li gobbuli e so sempri di chiddi chi voni buffunà e piglià in giru.
In l'ulthimi anni abemmu liggiddu li gobbuli di Tino Grindi, chissi di Nino Fois e chissi di ca ischribi chisthi righi, Mario Marras; semmu siguri chi puru althra genti n'ischribi, ma no abemmu infuimazioni basthanti. Li tre c'abemmu ammintaddu fabeddani di Sassari, di vizi e difetti di li sassaresi, di passunaggi chi si mirescini una gobbula, di puritigga, di carrasciari, di lu chi suzzedi in giru, di televisioni e altrhi cosi curiosi pa' cassisia rasgioni. E vi pudimmu assigurà chi la gana di  cionfra è vinzidora, chi la Sassari risurana no è immintiggadda, chi zi piazi sempri a piglià in giru passoni e cunpurthamenti, ma puru purthà la genti a pinsà. Sempri, però, cun la risaredda in bocca.
Una mezza imprumissa: si vi sarà  la pussibiriddai, v'abaremm'a uffrì casche pezzareddu di beddi gobbuli.



"Progetu realizadu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autonoma de Sardigna - L.R. 26/97 subra sa limba e sa cultura sarda"


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche