Sicurezza e Benessere nelle comunità
Conferenza nella casa di reclusione di Nuchis

OLBIA. L'evento è promosso e sostenuto dal Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione dell'Università degli Studi di Sassari, dall'Osservatorio Sociale sulla Criminalità - Sportello Riparativo e di Ascolto RiparAscoltando (UniSS) di concerto con il Comune di Tempio Pausania e con la Casa di Reclusione di Nuchis. Questa sinergia persegue lo scopo di analizzare da molteplici fronti sociali le necessità di Sicurezza e Benessere nella comunità tutta.

I lavori si apriranno con gli interventi di Andrea Biancareddu (Sindaco di Tempio Pausania), Angela Maria Quaquero (Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Sardegna) e Patrizia Patrizi (Ordinaria di Psicologia giuridica e modelli di giustizia riparativa, Università di Sassari) e proseguirà con una Tavola Rotonda multidisciplinare a cui prenderanno parte Pia Haudrup Christensen (Professor of Anthropology and Childhood Studies, University of Leeds), Patrizia Patrizi (Responsabile scientifica dei progetti riparativi presso il dipartimento Polcoming  Università di Sassari), Carla Ciavarella (Direttrice della Casa di Reclusione di Nuchis), Gian Luigi Lepri (Coordinatore dell’unità operativa di ricerca e del Servizio Riparativo e di Ascolto), Ernesto Lodi (Assegnista di ricerca sul benessere, Dipartimento PolComIng dell’Università di Sassari), Riccardo De Vito (Magistrato del Tribunale di Sorveglianza di Nuoro), Giampaolo Cassitta (Referente giustizia riparativa del PRAP Sardegna) ed Ettore Cannavera (Direttore della Comunità La Collina di Serdiana).

Dalle ore 15.00 alle ore 17.00, l'attività proseguirà presso la Sala Convegni della Casa di reclusione di Nuchis, in cui si svolgerà la VI conferenza riparativa cittadina che vedrà, tra gli altri, la prestigiosa partecipazione della prof.ssa Pia Haudrup Christensen, Professor of Anthropology and Childhood Studies presso l’Università di Leeds (UK), Visiting Professor presso l'Ateneo Turritano e autrice di rilevanti ricerche nel campo degli studi sociali e dell'infanzia con particolare riferimento alla creazione di apposite strutture, quali asili, scuole e comunità, e spazi territoriali predisposti ad hoc per le persone più giovani.

Infine, a partire dalle ore 17.30, presso i locali della Casa di Reclusione di Nuchis, si svolgerà la manifestazione di inaugurazione dell’anno accademico, con la partecipazione, insieme ai 24 studenti ospiti della Casa di reclusione, di docenti e studenti del Dipartimento di Scienze politiche, Scienze della comunicazione e Ingegneria dell'informazione dell'Università degli Studi di Sassari, di operatori e operatrici dell'Amministrazione Penitenziaria, di consulenti psicologi del Servizio OrientAzione e dello sportello RiparAscoltando, istituito presso l’Osservatorio Sociale sulla Criminalità del Dipartimento PolComIng, Università di Sassari.  Apriranno i lavori la Direttrice della Casa di Reclusione Dott.ssa Carla Ciavarella e la Direttrice del Dipartimento PolComIng Prof.ssa Antonietta Mazzette. La comunità universitaria incontra quella penitenziaria per una comune finalità: accompagnare percorsi di integrazione responsabile, sostenendo l’impegno di quanti hanno deciso di investire il tempo della pena nella cura della propria formazione.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA