Isole che Parlano approdano a Spargi con la violinista Iva Bittovà

OLBIA. Domenica 10 settembre saranno due grandi voci femminili a chiudere la XXI edizione del Festival internazionale Isole che Parlano.
Iva Bittová, virtuosa del violino caratterizzata da un uso non convenzionale della voce, si esibirà alle 18.30 a Cala Corsara sull'isola di Spargi.
Gli Spargiani è uno degli eventi conclusivi più attesi del Festival, coniuga la raffinatezza di live e sonorità di artisti internazionali con la valorizzazione della natura in uno scenario unico: l'arcipelago della Maddalena. Isole che parlano da anni sensibilizza il suo pubblico al rispetto dell'ambiente anche a ritmo di musica.
La Bittova si distingue in tutti i suoi progetti per una musica costruita su melodie dolcissime e pennellate nervose che riportano a una realtà spiccatamente metropolitana. Il solo di Iva Bittová è emozionante, intenso, capace di fondere poesia con il rumore e di trasmettere un trasporto fisico in cui non si ha separazione tra pratica strumentale e voce. Le sue capacità teatrali, apprese negli anni della formazione con il lavoro come attrice teatrale e cinematografica, si fondono al fascino irresistibile della sua musica sperimentale e d’avanguardia. Un evento divenuto ormai imperdibile e particolarmente atteso - organizzato da Sarditudine con il contributo del Comune di Palau e il patrocinio dal Parco dell'Arcipelago di La Maddalena e del Comune di La Maddalena - per il quale gli organizzatori offriranno anche un brindisi a bordo delle due motonavi con cui verrà trasportato il pubblico.

Isole che Parlano ricorda che la prenotazione per il concerto all'Isola di Spargi è obbligatoria, fino a esaurimento posti, e può essere effettuata chiamando il numero +39 345 725 6061 o presso l'Info Point del festival Isole che Parlano in Piazza Due Palme. Per maggiori informazioni è, inoltre, possibile consultare il sito www.isolecheparlano.it/spargi. In caso di venti forti, il concerto si terrà nella spiaggia di Palau Vecchio, mentre, in caso di pioggia, l'evento verrà realizzato sempre a Palau ma all'interno del Cine Teatro Montiggia.
Rientrati a Palau, come da tradizione, chiuderà anche questa XXI edizione di Isole che Parlano il suggestivo concerto alla spiaggia di Palau Vecchio in programma alle 21 e affidato quest'anno alla voce e alle note del piano di Synne Sanden. All’età di soli ventiquattro anni ha inciso il suo secondo album in studio. Dopo aver ricevuto un carico di lodi e di critiche positive per il suo malinconico album di debutto When Nobody’s Around, sorprende con una vera inversione di tendenza con Climbing The Rainbow: art-pop scandinavo appassionato che vola alto e basso, duro e onesto e intransigente. Considerata uno dei più preziosi segreti della scena Indy norvegese a Palau proporrà un estratto in acustico per piano e voce.

Ma la giornata conclusiva del Festival sarà intervallata anche dalle scorribande a sorpresa del quartetto itinerante Majanfé composto da Federico Fenu, trombone, Alessandro Cau, percussione, Maurizio Floris, sax basso, e Mauro Diana, sax alto, che, tra ritmi di samba, calypso e cha cha cha, accompagnerà il pubblico nel corso della giornata.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione