Sorvegliato speciale sorpreso dalle fiamme gialle a spacciare eroina

OLBIA. Proseguono i controlli del territorio, ancora più serrati in vista delle prossime festività, da parte dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Sassari. È di ieri sera l’ultimo arresto.
 A finire in manette un noto pluripregiudicato, sottoposto a regime di sorveglianza speciale in Alghero, dove i militari della Compagnia notavano, in una zona in penombra, due soggetti con fare sospetto.

Gli operanti, riconoscendo da subito il pluripregiudicato, si appostavano in maniera occulta per seguirne i movimenti. Dopo poco, notato uno scambio fra i due, decidevano di intervenire. Il pluripregiudicato, notata la pattuglia del Corpo, si dava a precipitosa fuga liberandosi al contempo di diversi involucri. Scattava quindi un inseguimento appiedato, ma il soggetto faceva perdere le proprie tracce. Immediatamente intervenuta una seconda pattuglia del Reparto, veniva però rintracciato e sottoposto a perquisizione personale e domiciliare.

Il secondo soggetto invece veniva subito accompagnato presso il locale pronto soccorso in quanto ingeriva, alla vista della pattuglia, l’involucro di eroina appena acquistato.
 Grazie all’intervento dell’unità cinofila “Denvy” si riuscivano a recuperare tutti gli involucri gettati dal sorvegliato speciale, pari a 15 dosi contenenti sostanza stupefacente del tipo eroina. Si procedeva quindi all’arresto del soggetto per spaccio e condotto in data odierna dinanzi all’Autorità Giudiziaria di Sassari per essere processato per direttissima. Fondamentale l’apporto delle unità cinofile nei controlli eseguiti in città e presso l’aeroporto “Riviera del Corallo” che, in forza alla Compagnia di Alghero dal mese di luglio, hanno permesso già di denunciare 11 persone, tra i quali alcuni minorenni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti oltre a segnalarne ulteriori 69 alla competente Prefettura per uso personale, sottoponendo a sequestro diversi etti di sostanze illecite.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA