Autotrasporto: Conftrasporto, giù le mani da imprese

economia
AdnKronos
Roma, 8 feb. (AdnKronos) - "C’è un ricorso pendente alla Corte Costituzionale. E c’è una legge che esclude il settore dell’autotrasporto dall’assoggettamento all’Authority. Ma in barba a tutto ciò, l’Autorità di regolazione dei Trasporti ha abbassato la soglia del fatturato oltre la quale le imprese del settore dovranno versare un contributo annuale del 6 per mille per il funzionamento del garante". Ad affermarlo in una nota è Conftrasporto -Confcommercio.La decisione della Authority è arrivata "con una delibera datata primo febbraio. La soglia di fatturato minimo assoggettato al contributo diventa di 5 milioni di euro, contro i 30 milioni di appena un anno fa, e fissa il termine per il versamento al 28 aprile di quest’anno. Una doccia fredda che allarga il getto a migliaia di aziende prendendo di mezzo anche le più piccole, già in difficoltà e alle prese con fatturati sempre più risicati"."Giù le mani dall’autotrasporto - sottolinea Paolo Uggè, presidente di Conftrasporto-Confcommercio - La Corte Costituzionale non si è ancora espressa che l’Authority ci infila questo provvedimento tra le ruote. Ricordo che il Ministero dei Trasporti è intervenuto più volte ribadendo l’estraneità del settore dai compiti di vigilanza dell’Authority. Le imprese in questione sono già assoggettate al contributo per l’esercizio dell’attività dovuto annualmente al Comitato centrale dell’Albo. La pervicacia dell’Authority nel voler includere a tutti i costi l’autotrasporto nei suoi provvedimenti è inaccettabile. Chiediamo un intervento urgente per porre fine a queste azioni vessatorie", conclude Uggè.

Leggi anche