Oli alimentari esausti, 46 piccoli Comuni laziali impegnati nella raccolta

sostenibilita
AdnKronos
(Adnkronos) - Sono stati premiati oggi da Ennio Fano, presidente di RenOils nell’ambito della VI edizione di EcoForum Lazio organizzata da Legambiente con il contributo della Regione Lazio, i sindaci dei Comuni di Rocca Canterano (Roma Capitale), Filacciano (Roma Capitale) e Castrocielo (Frosinone) perché hanno registrato le performance migliori nella raccolta dell’olio esausto da cucina nel 2021. Premio speciale all’Ente Regionale RomaNatura che per primo in Italia ha attivato, insieme a RenOils, la raccolta di questo rifiuto all’interno di due parchi, nello specifico la Riserva di Monte Mario e nel Parco del Pineto a Roma. “La sinergia tra il Consorzio RenOils e la Regione Lazio sta portando benefici ambientali di notevole entità. Grazie al protocollo di intesa, che riguarda Comuni sotto i 5.000 abitanti, sottoscritto mesi fa stiamo raggiungendo una fetta importante del territorio laziale dove le famiglie hanno ben compreso l’importanza di una corretta gestione dell’olio con cui abitualmente cucinano e stanno facendo un lavoro eccellente in termini di raccolta domestica, la più difficile da intercettare e anche la più inquinante. Oggi premiamo questi Comuni e l’Ente Regionale ma è come se premiassimo tutti i 46 Comuni aderenti all’iniziativa, tutti i cittadini che si sono impegnati a salvaguardare le nostre acque, l’ambiente. Siamo certi di poter presto estendere questo modello così ben funzionante ad altre Regioni italiane”, ha detto Ennio Fano, presidente di RenOils. Poco più di due anni fa Regione Lazio e il Consorzio RenOils hanno sottoscritto un protocollo di intesa per attivare la raccolta di oli e grassi animali e vegetali esausti nei Comuni del territorio a bassa densità abitativa (meno di 5.000 abitanti). Numerose fin da subito le adesioni: ad oggi sono coinvolte 46 amministrazioni in cui il Consorzio RenOils ha installato i contenitori destinati a raccogliere l’olio di scarto prodotto nelle cucine dei cittadini. Nel 2021 sono state raccolti oltre 10mila kg. Un dato peraltro sottostimato: molti Comuni infatti hanno iniziato la raccolta da qualche mese e le quantità attualmente presenti nei contenitori non sono state ancora contabilizzate. Si sono distinti e per questo sono stati premiati: Rocca Canterano che ha registrato la performance migliore nel 2021 con 1.57 kg/ab, leggermente superiore alla media nazionale, che è pari a 1.4 - 1.5 kg/ab; Castrocielo in quanto Comune che ha raccolto in assoluto la maggiore quantità di olio, con circa 1.600 kg; Filacciano, il migliore nel complesso del biennio 2020/2021 per kg/ab raccolti. Subito a seguire i Comuni di Vacone (Rieti) con 1.3 kg/ab e Vallinfredda (Roma Capitale) con più di 1 kg/ab. “Gli importanti risultati ottenuti nella raccolta degli oli e grassi animali e vegetali esausti, attuata tramite il protocollo d’intesa con il consorzio RenOils, mi rendono molto soddisfatta. Questa esperienza con RenOils proseguirà e vedrà l’estensione della raccolta a tutti gli altri Piccoli Comuni che vorranno aderire. Metteremo inoltre in campo sempre più azioni di sensibilizzazione, bloccate nei mesi scorsi dalla pandemia, che coinvolgeranno cittadini e studenti, con l’obiettivo di massimizzare la raccolta", rimarca Cristiana Avenali, responsabile Piccoli Comuni e Contratti di Fiume della Regione Lazio.

Leggi anche

SIDDURA