Cinemadivino in Gallura
Al via la terza edizione della rassegna

di Antonella Brianda


OLBIA. Sorseggiare un bicchiere di buon vino sardo all'interno della cantina che lo ha prodotto, mentre si assiste alla proiezione di un film del grande cinema d'autore, è un'esperienza unica e ricca di fascino. In Gallura sarà possibile farlo. Prende il via, infatti, la terza edizione della rassegna Cinemadivino, che abbina il vino sardo, la promozione del territorio e l'arte cinematografica. Quest'anno parteciperanno due realtà produttive galluresi che da sempre hanno puntato molto ad aprire le loro cantine ed accogliere i visitatori. Sono le Vigne Surrau di Arzachena e le Tenute Olbios di Olbia. Entrambe le rinomate realtà produttive vinicole, aderiscono all'iniziativa promossa e organizzata nell'isola dal Museo del Vino di Berchidda. Per le Tenute Olbios si tratta del primo anno di partecipazione, mentre le Vigne Surrau, partecipano alla rassegna Cinemadivino già da tre anni. L'obiettivo è quello di valorizzare le cantine, intese non soltanto come semplici luoghi di produzione del vino, ma soprattutto come centri di cultura. Ecco che nasce l'idea di creare percorsi enoturistici abbinati alla visione di film d'autore.


La rassegna prenderà il via giovedì 4 luglio, nelle Vigne Surrau ad Arzachena, a partire dalle 19. Si inizierà con la visita della cantina alla quale seguirà la degustazione dei vini che si concluderà alle 21.30 con la proiezione del film On the road di Walter Salles. Il secondo appuntamento è fissato per giovedì 11 luglio, sempre nelle Vigne Surrau, con Il pescatore di sogni di Lasse Hallstrom. Sabato 20 luglio sarà la volta delle Tenute Olbios a Olbia. Qui verrà proiettato il film La cuoca del presidente di Christian Vincent. Giovedì 25 luglio, si ritorna ad Arzachena nelle tenute Surrau per assistere alla proiezione di Lincoln di Steven Spielberg. Il grande finale di Cinemadivino sarà mercoledì 7 agosto, ancora una volta nelle Vigne Surrau, dove verrà proiettata la pellicola Cena tra amici di Alexandre de La Patellière e Matthieu DelaporteCon lo scopo di valorizzare e promuovere a pieno l'intero territorio gallurese, per questa terza edizione, gli organizzatori hanno deciso di coinvolgere anche le realtà alberghiere e ricettive della zona. Per tutti coloro i quali lo desidereranno, sarà infatti possibile pernottare, a condizioni agevolate, all'interno di tre strutture che hanno aderito all'iniziativa, due delle quali si trovano a Arzachena e una a Olbia. 


"Lo scopo della rassegna Cinemadivino è quello di tutelare il Vermentino della Gallura, ma anche di far conoscere il territorio, i nostri vigneti, le nostre aziende soprattutto durante il periodo invernale. Con questa rassegna vogliamo dare un'immagine diversa della Gallura e diffondere la cultura del buon cibo e del buon vino. Lavoriamo a questo progetto già da due anni", ha dichiarato Daniela Pinna, presidente del Consorzio Tutela Vermentino Gallura e rappresentante delle Tenute Olbios.  "Noi come Vigne Surrau, da tempo apriamo le nostre cantine ai turisti e ai visitatori, perché pensiamo che sia fondamentale per diffondere il vermentino nel mondo", ha affermato Giuseppe Marrone delle Vigne Surrau. 


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA