Golfo Aranci

Olbia, pesca abusiva e licenze scadute
Il 1° bilancio della Guardia Costiera

di Davide Mosca


OLBIA. Il Reparto Operativo del quindicesimo Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Olbia, nell'ambito dei servizi messi in campo nei mesi di giugno e luglio, ha effettuato ben 317 controlli, riscontrando numerose infrazioni tra cui alcune molto gravi. Quattromila euro è stata la sanzione ai titolari di un motopeschereccio che traportava, di rientro da una battuta di pesca, un tonno rosso non dichiarato e catturato in violazione ai regolamenti comunitari. La Direzione Marittima ha deciso di donare l'esemplare a due enti benefici di Santa Teresa di Gallura. I militari hanno sanzionato per quattromila euro, poi, un altro peschereccio per la licenza di pesca scaduta che è stata ritirata con la decurtazione di sette punti, sia al comandante dell'imbarcazione che all'armatore. Il tutto in applicazione del decreto legislativo dell'aprile del 2012 che ha introdotto il sistema a punti per i comandanti dei pescherecci, per le licenze e per le infrazioni gravi in materia di pesca. Infine, in merito all’attività di verifica in materia di sicurezza della navigazione da diporto, sono stati effettuati settantacinque controlli con il rilascio di quaranta bollini blu.  


Le attività hanno interessato la città di Santa Teresa Gallura, il suo porto e il tratto di mare compreso tra l’arcipelago di La Maddalena e Punta Li Francesi. Per ben due settimane, dal 13 al 20 giugno e dal 15 al 21 luglio, sono stati impegnati, durante le giornate, dieci militari a terra e un’unità d’altura, la Motovedetta CP 273, per i controlli a tappeto sulla filiera della pesca, sul rispetto delle norme sulla pesca sportiva e il diporto e sulla tutela dell’ambiente marino. In occasione di tali controlli sono state effettuate numerose verifiche in mare e sullo sbarco del pescato, nonché presso le pescherie, i rivenditori ittici e i ristoranti. Gli eccellenti risultati conseguiti confermano come la Guardia Costiera, attraverso l’attività quotidiana di controllo e con operazioni mirate, vigili senza sosta sulla salute del cittadino e sulla sua sicurezza a tavola e in mare, nonché sull’ambiente marino e sul suo corretto sfruttamento da parte di pescatori professionali e sportivi.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione