Caria Pd,lancia la campagna elettorale
"Cambiamo la Sardegna: Adesso!!!"

di Davide Mosca

OLBIA. Parte oggi, dal Blu Marine di Olbia, la corsa elettorale verso le regionali di Pierluigi Caria, il candidato fortemente voluto dal partito democratico cittadino. Commercialista, 45 anni, Caria è stato scelto dal circolo Pd Olbiese al termine di una lunga discussione e confronto che ha portato a tirare fuori dal cilindro il suo nome.  "Cambiamo insieme la Sardegna: Adesso!!!", questo lo slogan di Caria che ha deciso di puntare forte sul tema dei giovani, della serietà della politica e delle cose concrete: "Serve una politica nuova, perché ci servono poche mosse ma buone. Mi candido contro un sistema, contro il cagliaricentrismo, per difendere il mio territorio e per cambiare la Sardegna".  


Caria ha mostrato la preoccupazione per l'annunciato astensionismo: "Il non voto, seppur legittimo e comprensibile, va contro l'interesse generale ma anche particolare. Perché le scelte e le decisioni, la politica le prenderà lo stesso, tanto vaale essere protagonisti di una scelta. Sarà allora importante far cambiare idea a chi ha già scelto di non votare. Lavoriamo, crediamoci e "Cominciamo il domani". Grande sostegno è arrivato per Francesca Barracciu, la candidata Pd che era in corsa, come presidente della regione, alle regionali e che poi ha dovuto cedere il passo a Pigliaru dopo il coinvolgimento in un'inchiesta della magistratura sull'ipotesi di utilizzo improprio di fondi regionali. "L'ho sostenuta fino alla fine, ha detto Caria, e sono sicuro che uscirà dalla questione giudiziaria in cui è stata coinvolta a testa alta. Per quanto riguarda Francesco Pigliaru, è stato scelto dal partito all'unanimità e mi è piaciuto subito quando ha parlato di tre punti fondamentali del suo programma: Paesaggio quindi ambiente, Giovani e Formazione. Anche per me sono tre aspetti fondamentali per far ripartire il territorio, la Gallura e la Sardegna". 


Si è parlato poi del San Raffaele e di Meridiana, risorse fondamentali per il territorio: economia, offerta sanitaria che in Gallura non esiste, possibilità di impiego in questo momento di crisi. "Chi verrà eletto dovrà dare una spinta a queste problematiche al fine di risolverle in tempi certi senza dimenticare i trasporti. Noi dobbiamo garantire il diritto alla mobilità". Caria ha poi parlato dell'alluvione esprimendo la solidarietà per tutti coloro che, in questi mesi, hanno sofferto e tutt'ora sono in grande difficoltà: "Basta con le chiacchere. La parola chiave è : "trovare le risorse". Servono soldi subito per risolvere tutte le emergenze. Non si può più aspettare e non permetteremo che si spengano i riflettori su una citta ancora martoriata da un evento calamitoso come quello del 18 novembre. Io ho scelto di stare con gli alluvionati, toccando il dolore, la disperazione ma anche orgoglio e dignità. C'è stata una reazione, la solidarietà è stata formidabile e Olbia si sta rialzando. Questo mi fa ben pensare per il futuro e questa battaglia la possiamo vincere". 


Soddisfazione da parte del segretario cittadino, Angela Corda che ha sostenuto Pierluigi Caria fin dall'inizio e che è convinta che il nuovo corso del Pd stia portando i suoi frutti e che presto anche la città trarrà gli aspettati e giusti benefici da questo cambiamento. Mancano solo 29 giorni all'election day regionale e la macchina elettorale gira a pieno regime. In queste ore e nei prossimi giorni verranno presentati tutti gli altri candidati. La squadra del Pd sarà composta da cinque esponenti: Angelo Còmiti, Pierluigi Caria, Giuseppe Meloni, Simonetta Melis e Andrea Viola. Cinque posti in regione per la Gallura e secondo gli addetti ai lavori il Pd potrebbe riuscire ad agguantare ben due seggi in consiglio regionale. Possiamo dire di essere entrati a pieno titolo nel vivo della competizione elettorale.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS