Codacons, esposto alle procure sarde
Possibili violazioni della Robin Tax

OLBIA. In seguito all’allarme lanciato ieri dall’Autorità per l’energia elettrica ed il gas in merito ai sospetti di traslazione dellaRobin Tax sulle bollette energetiche delle famiglie, il Codacons ha inviato oggi un esposto alle Procure della Repubblica di Cagliari, Nuoro, Sassari, Oristano, chiedendo di indagare sulle società energetiche operanti in Sardegna alla luce di quanto emerso nella relazione dell’Autorità. “In merito alla Robin Tax, vale a dire l'addizionale Ires imposta alle imprese energetiche, la normativa vigente prevede il divieto di traslare l'onere della maggiorazione d'imposta sui prezzi al consumo con conseguenti illeciti a danno degli utenti – scrive il Codaconsnell’esposto - Dall'analisi dell'Autorità per l'energia elettrica ed il gas emerge al contrario che, per l’anno 2011, è possibile che 144 società energetiche abbiano traslato in bolletta, violando la legge, la Robin tax o parte di essa. Per l'intero 2010 i sospetti sono su 73 società”.

La conseguenza di tale situazione, spiega l'associazione dei consumatori, è che, qualora fosse accertato la traslazione dell’addizionale Ires sui consumatori vi sarebbero evidenti violazioni della normativa vigente che impone il divieto di traslare l'onere della maggiorazione d'imposta sui prezzi al consumo con conseguenti illeciti a danno degli utenti. "Eventuali maggiori introiti legati alla violazione delle norme vigenti – si legge ancora nell’esposto - configurerebbero infatti un ingiusto guadagno per le società energetiche, e un chiaro danno economico per i consumatori”. Il Codacons ha dunque chiesto alle Procure di aprire una indagine per accertare se le società dell’energia operanti sul territorio di rispettiva competenza abbiano violato le disposizioni vigenti addebitando in bolletta la Robin Tax, scaricando quindi i maggiori oneri a loro carico sulle famiglie della Regione. L’associazione annuncia inoltre fin da ora l’intenzione di avviare una class action contro le aziende dell’energia nel caso in cui i sospetti dell’Autorità dovessero trovare conferma.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA