Golfo Aranci

Aggressioni Ultras nel post Arzachena-Pontedera: due arresti e due obblighi di firma


OLBIA.
Nelle prime ore di questa mattina, la Polizia di Stato ha dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Tempio Pausania, dr. Alessandro Di Giacomo, richiesta dal Sostituto Procuratore dr.ssa Cristina Carunchio.
I destinatari dell'ordinanza, eseguita dagli agenti del Commissariato di Olbia, sono quattro persone imputate di gravi reati che vanno dal lancio di materiale pericoloso, violenza in occasione di manifestazioni sportive, resistenza a pubblico ufficiale, fino alle lesioni aggravate.
Si tratta di quattro ultras, rispettivamente di 30, 33 e 40 anni residenti ad  Olbia e un 38 enne di Arzachena; per il 33enne di Olbia e il 38enne di Arzachena sono scattati gli arresti domiciliari, mentre agli altri due è stata notificata la misura cautelare dell’obbligo di presentazione presso un ufficio di Polizia, alle ore 8 e alle ore 20 di ogni giorno.
  
Il Giudice per le Indagini Preliminari, accogliendo tutte le richieste degli uffici investigativi della Polizia di Stato, ha ritenuto la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza nei confronti dei quattro destinatari delle odierne misure in ordine ai reati loro contestati in occasione degli incidenti verificatisi al termine dell’incontro di calcio di Serie C “Arzachena – Pontedera” disputato presso lo stadio “Bruno Nespoli” di Olbia sabato 16 settembre scorso.
    In particolare, alle 19.30 di sabato, mentre i tifosi toscani si trovavano presso il porto di Olbia in attesa di imbarcarsi sul traghetto diretto a Livorno, nonostante la presenza di un contingente di polizia che li aveva scortati dallo stadio, sono stati assaliti da alcuni tifosi locali utilizzando cinture impugnate all’estremità opposta della fibbia.

Un tifoso del Pontedera ha riportato ferite ed è stato colpito ad un occhio. Ha subito lesioni anche il funzionario della Polizia di Stato responsabile del servizio di ordine pubblico che è stato colpito alla nuca con la fibbia di una cintura.
L’intervento immediato del personale di polizia in servizio ha scongiurato il verificarsi di conseguenze più gravi.

Nel corso degli incidenti, uno degli aggressori, il 38enne di Arzachena, è stato immediatamente bloccato dal personale di Polizia.
Gli altri tre sono stati individuati nelle ore successive, grazie all'attività investigativa posta in essere dal personale della Polizia di Stato del Commissariato di Olbia.
A uno dei tre destinatari delle misure, il 33enne olbiese, è stato contestato anche il grave fatto compiuto il 10 settembre, sempre in occasione di un incontro di calcio fra le squadre Olbia e Piacenza, quando, durante il primo tempo della partita, dall’esterno dell’impianto sportivo, ha lanciato una bomba carta all’indirizzo del settore ospiti. L'ordigno è esploso sul tetto di un magazzino danneggiandolo gravemente.

Inoltre, tre dei quattro indagati risultavano già destinatari di un provvedimento D.A.Spo. della durata di tre anni, emesso nel settembre 2014 dal Questore di Frosinone per gravi disordini verificatisi in occasione della partita Sora – Olbia; Ieri, per tutti e quattro, sono scattati i nuovi provvedimenti D.A.Spo. – con obbligo di firma - emessi dal Questore di Sassari per una durata che va dai quattro agli otto anni.
Sono in corso ulteriori indagini per risalire anche agli altri autori dell’aggressione avvenuta ai danni dei tifosi toscani.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA