Primo coordinamento regionale Sardegna Aiga -Associazione Italiana Giovani Avvocati

OLBIA. Giovedì 22 marzo 2018 si è svolto ad Olbia il primo Coordinamento Regionale AIGA Sardegna presieduto dal coordinatore regionale avv. Gaia Fontana, Presidente della sezione AIGA di Olbia-Tempio, alla presenza del Coordinatore d’area Italia Centro avv. Paolo Rossi e dei Direttivi e soci delle sezioni di Olbia-Tempio, Sassari ed Oristano. Durante l’incontro si è costituito l’ufficio di coordinamento regionale composto, unitamente al coordinatore regionale Gaia Fontana, dal vice-coordinatore avv. Sergio Porcu della sezione di Sassari e dal segretario di coordinamento avv.  Giovanni Cau della sezione di Oristano.

«Compito del neonato coordinamento - dichiara il coordinatore Gaia Fontana - sarà soprattutto quello di organizzare e promuovere eventi formativi anche itineranti a livello regionale, con l’apporto ed il coinvolgimento di tutte le sezioni della Sardegna; ciò darà la possibilità ai giovani avvocati sardi non solo di confrontarsi con le varie realtà del proprio territorio, ma anche di affrontare nuove tematiche ed ampliare il proprio bagaglio di competenze, nonché stringere e coltivare i rapporti con i colleghi di tutta l’isola».

«Auspicio del coordinamento regionale - continua il coordinatore Gaia Fontana - è anche quello di ampliare il ventaglio delle sezioni sarde, con l’istituzione di nuove sezioni in tutti i Tribunali dell’isola ove queste ancora non sono presenti, rafforzando in questo modo la presenza di AIGA tra i giovani colleghi».

A margine della riunione di coordinamento si è, inoltre, svolto l’interessante incontro-dibattito intitolato “Giovane Avvocatura – Criticità e proposte di riforma” introdotto dal coordinatore regionale, con gli interventi dell’avv. Paolo Rossi e dell’avv. Paolo Camboni, Segretario del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Tempio Pausania. Durante il partecipato incontro, animato da numerosi interventi dalla platea, si è, quindi, dibattuto di argomenti molto sentiti dalle giovani toghe, quali le nuove modalità di accesso alla professione, le specializzazioni, il patrocino a spese dello Stato, nonché la crisi che negli ultimi anni ha duramente colpito l’Avvocatura.

«L’AIGA - conclude il coordinatore Gaia Fontana - vuole a tal proposito essere punto di riferimento per i giovani che intraprendono la professione forense, che necessita di riscoprire la propria nobile funzione sociale innovandosi».
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA