Sequestri per abbandono attrezzature e interventi in porto a Golfo Aranci

OLBIA. Continua l’attività intensa dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci per garantire la sicurezza della balneazione e la libera fruizione degli arenili. Diverse decine le attrezzature lasciate abbandonate sulla spiaggia che anche questa volta ha visto l’intervento congiunto della Polizia Municipale e della Guardia Costiera di Golfo Aranci. Nuovamente si è provveduto, prioritariamente, a svolgere attività informativa rispondendo alle domande degli utenti e restando in attesa dell’arrivo dei proprietari delle attrezzature. Dopo oltre un’ora dall’arrivo delle pattuglie il materiale risultato abbandonato è stato rimosso e sequestrato ai sensi dell’Ordinanza del Sindaco di Golfo Aranci n. 6 del 12 luglio 2019. Alcune attrezzature erano state anche legate con cime e sassi costituendo un pericolo per il transito sulla spiaggia ma soprattutto per i giochi dei bambini.

Inoltre, nei giorni scorsi, si è provveduto a sanzionare tre condomini adiacenti le spiagge con importi da 1.032 euro perché attraverso l’utilizzo di custodi e/o guardiani dei residence posizionavano ombrelloni per gli ospiti a danno della libera fruizione degli arenili.

Il lavoro della Guardia Costiera golfoarancina, al Comando del TV(CP) Angelo Filosa, ha riguardato anche l’attività di sicurezza portuale e di soccorso in favore di due sbarchi di persone con problemi medico-sanitari. Il primo si è verificato ieri ed ha visto l’intervento del servizio 118 e della pattuglia di intervento portuale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci per lo sbarco di un passeggero su una nave in arrivo. Il secondo intervento, nella prima mattinata di oggi, sempre coordinato dalla Guardia Costiera di Golfo Aranci, ha visto la partenza e la successiva richiesta di ormeggio della nave passeggeri per lo sbarco di un passeggero con una spalla lussata. In entrambi i casi è stato necessario il trasferimento presso il Pronto Soccorso di Olbia. Tutte le operazioni si sono svolte in sicurezza grazie al perfetto coordinamento tra Guardia Costiera, 118, Security Portuale e Ormeggiatori, questi ultimi, in particolare, sempre pronti a fornire la propria attività durante gli ormeggi in emergenza. Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche