Esercizio commerciale a Tempio Pausania evade tasse per 370mila euro

OLBIA. Nel corso dei servizi Istituzionali di prevenzione disposti dal Comando Provinciale di Sassari, i Finanzieri della Tenenza di Tempio Pausania, coordinati dal Tenente Jacopo Maccione, hanno concluso una verifica fiscale nei confronti di una ditta individuale, operante nel settore dei trasporti. L’attività ispettiva è risultata particolarmente complessa, attesa l’inattendibilità delle scritture contabili: nello specifico, i verificatori attraverso l’analisi dei documenti fiscali rinvenuti, hanno proceduto ad un’attenta ed accurata ricostruzione di quanto effettivamente guadagnato dal contribuente e mai dichiarati.

L’esito complessivo della verifica ha consentito di constatare un‘evasione alle imposte dirette, dal 2015 al 2018, per oltre  370mila euro e dell’I.V.A. di oltre 84mila. Nel mese di settembre, inoltre, le Fiamme Gialle di Tempio Pausania, sempre nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, hanno concluso un intervento ispettivo nei confronti di una attività commerciale, risultata essere evasore totale per più anni d’imposta. Nella fattispecie, gli accertamenti, condotti tramite la comparazione dei dati emergenti dal controllo economico del territorio con quelli risultanti dalle banche dati in uso al Corpo, hanno permesso di individuare un bar che, per gli anni dal 2014 al 2016, non ha presentato le dichiarazioni fiscali obbligatorie.

La ricostruzione della posizione del contribuente ha consentito così di quantificare una sottrazione a tassazione di ricavi per oltre 130mila euro con connessa evasione dell’I.V.A. pari a circa 25.000 euro.
Le attività di servizio in argomento si inquadrano in un più ampio e costante dispositivo di prevenzione posto in essere a tutela dell’interesse collettivo, della leale concorrenza e del libero mercato ponendosi a garanzia di tutti i soggetti economici virtuosi che giorno dopo giorno operano nel pieno rispetto delle norme e della legalità.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS