Campagna europea Seatbelt per la sicurezza, in Sardegna in azione la polizia stradale

OLBIA. European Roads Policing Network ha programmato la campagna europea congiunta denominata “SEATBELT” (cinture di sicurezza). Lo scopo di questa campagna è di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradale in adesione al Piano d’Azione Europeo 2021-2030.
Anche il Compartimento Polizia Stradale per la “Sardegna” è coinvolta in questa campagna, infatti gli Agenti saranno impegnati, durante tutta la settimana, lungo le principali arterie stradali, per verificare il rispetto del corretto utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta da parte di conducenti e occupanti di veicoli a motore, con particolare attenzione ai seggiolini per bambini.
ROADPOL è una rete di cooperazione tra le Polizie Stradali, nata sotto l’egida dell’Unione Europea, a cui aderiscono tutti i Paesi Membri dell’Unione tra cui l’Italia, rappresentata dal Servizio Polizia Stradale del Ministero dell’Interno. La sua attività si sviluppa attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne “tematiche” in tutto il Continente, all’interno di specifiche aree strategiche.
   
Lo scopo di detta Organizzazione è quello di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali in adesione al Piano d’Azione Europeo 2021-2030, con attività di prevenzione, informazione e controllo, ma anche con campagne di comunicazione e operazioni congiunte con le altre Polizia Europee, i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo Operativo ROADPOL. Al riguardo, per la massima sensibilizzazione degli utenti al rispetto delle normative vigenti, si tramette con preghiera di divulgazione, il comunicato stampa predisposto già a livello nazionale dal Servizio Polizia Stradale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche