Vittoria dell'Olbia in trasferta contro il Montevarchi 0-2

OLBIA. Serviva una prova di carattere e maturità e l'Olbia non ha sbagliato. All'Ettore Mannucci di Pontedera, casa temporanea dei rossoblè, la squadra di Canzi si è imposta con un risultato all'inglese sull'Aquila Montevarchi centrando la quarta vittoria stagionale, ma soprattutto mettendo prontamente alle spalle la deludente sconfitta interna con l'Imolese.

RICATTO E PROVA DI FORZA. Un successo di testa prima ancora che di tecnica, per un'Olbia che globalmente si è esibita con regolarità nel pezzo forte del proprio repertorio, il palleggio in transizione, ma che ha saputo anche stringere le maglie e tenere il fiato nei momenti di maggiore spinta dei volitivi padroni di casa. I bianchi, scesi in campo con Brignani al fianco di Emerson, Pisano sulla corsia destra e Chierico in cabina di regia, avevano di fronte un Montevarchi giovanissimo (19,7 anni l'età media di partenza) ma non certo rinunciatario o intimorito da un'Olbia che, nondimeno, approccia la gara nel modo giusto provando a irretire l'undici locale con le trame di passaggio ordite da Chierico e Biancu. La ricerca profondità è poi la lama che inferisce sulla difesa toscana con Ragatzu e Udoh che danzano tra le linee e affondano lo spazio.

PRIMO TEMPO. Per trovare la prima occasione bisogna attendere il 15': Palesi controlla in area e rientra sul destro, il tiro viene però deviato in corner. L'Olbia spinge sulle corsie laterali arrivando spesso al cross, ma la retroguardia del Montevarchi riesce a respingere gli assalti. Al 26', un'ottima azione corale rifinita da Lella porta Biancu alla conclusione di prima intenzione che si stampa sul palo esterno. Arriva però il momento degli uomini di Malotti che al 28', con Barranca, ci provano dalla distanza trovando un Ciocci volante attento nella respinta. Al 41' è Jallow a impegnare il portiere bianco, che un minuto dopo salva anche su Mercati. Quando il Montevarchi si mangia ancora le mani, l'Olbia colpisce con un contropiede letale: la difesa spazza il corner dei locali, Biancu addomestica e lancia Udoh che scatta dalla linea del centrocampo e si invola sul centrodestra affiancato da Amatucci, entra in area e con una sterzata delle sue manda fuori giri il capitano avversario prima di battere Rinaldi con il mancino.

SECONDO TEMPO. Si va al riposo con un prezioso vantaggio e l'Olbia che torna in campo nella ripresa dimostra subito di volerne farne tesoro. Al 47' Udoh, su assist di Pisano, colpisce di testa ma non riesce ad angolare, quindi al 51' ancora il numero 9 va al tiro dal limite con la palla che esce di poco a lato. Quando al 58' Pisano libera in scivolata un'insidia in area di rigore, l'Olbia capisce di dover premere sull'acceleratore per cercare il raddoppio. E al 62' la volontà diventa potenza: il corner di Emerson viene respinto corto, Travaglini si posizione con un colpo di destro in controbalzo fa 2-0. Al 68', il tris viene mancato per questione di centimetri: Lella ruba palla, la fa correre nello spazio per Udoh che mette dentro di prima intenzione non trovando Ragatzu per un nonnulla. La girandola di cambi che ridisegna l'undici bianco serve a contenere la spinta del Montevarchi, ma è fondamentale anche il contributo di un Ciocci in gran spolvero che si oppone al colpo di testa dell'ex Doratiotto al 75', in scivolata sul tentativo di Gambale all'85' (sulla respinta, Doratiotto a porta vuota manda alto).

FIDUCIA. Ragatzu e Udoh falliscono ancora la palla del terzo gol, ultime emozioni di una partita vibrante e combattuta che l'Olbia fa sua con personalità, rilanciando le proprie ambizioni e preparandosi nel migliore dei modi per la battaglia di domenica contro il Modena.

TABELLINO

Montevarchi-Olbia 0-2 | 10ª giornata

MONTEVARCHI: Rinaldi, Achy, Tozzuolo, Martinelli, Barranca (63’ Intinacelli), Bassano (36’ Martorelli), Amatucci, Mercati, Carpani (46’ Gambale), Jallow (63’ Doratiotto), Lunghi (54’ Mionic). A disp.: Giusti, Poggesi. All.: Roberto Malotti
OLBIA: Ciocci, Pisano (62’ Pinna S.), Brignani, Emerson, Travaglini, Lella (72’ Occhioni), Chierico (72’ Giandonato), Palesi (72’ La Rosa), Biancu (77’ Sanna), Ragatzu, Udoh. A disp.: Van der Want, Barone, Renault, Boccia, Demarcus, Mancini. All.: Max Canzi.
ARBITRO: Fabio Rosario Luongo (Napoli). Assistenti: Francesco Arena (Roma 1) e Nadir Bertozzi (Cesena). Quarto Ufficiale: Manuel Gambuzzi (Reggio Emilia) 
MARCATORI: 44’ Udoh, 62’ Travaglini
AMMONITI: 33’ Bassano (M), 38’ Chierico, 65’ Palesi
NOTE: Recupero 2’ pt, 5’ st

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche