Laura Boldrini domenica a Olbia per la presentazione del suo ultimo libro

OLBIA. Domenica 20 febbraio alle 18.30 nel prestigioso attico al Corso Umberto 33, la Ubik di Olbia e l’associazione Pulp ospiteranno Laura Boldrini, che presenterà il suo nuovo libro  "Questo non è normale" edito da Chiarelettere.
Dialogheranno con l'autrice: Francesca Gungui, Caterina De Roberto, Tiziana Simula e Angela Galimberti.

L'evento è gratuito ma i posti sono limitati a causa delle nuove normative, pertanto è necessario essere in regola con le attuali disposizioni ministeriali di salute e sicurezza e occorre prenotare tramite telefono, email o sui nostri canali social.


L'AUTRICE: è una politica italiana ed ex funzionaria dell'ONU, deputata alla Camera dal 2013. Dopo una lunga carriera presso la FAO e il Programma alimentare mondiale a Roma, nel 1998 viene nominata portavoce per il Sud Europa dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, svolgendo in tale ruolo missioni in diverse parti del mondo.[2]Nel 2013 lascia la carriera internazionale, entra in politica e viene eletta alla Camera dei deputati con Sinistra Ecologia Libertà. Il 16 marzo dello stesso anno è eletta Presidente della Camera dei deputati nella XVII legislatura, incarico terminato nel 2018. Viene rieletta deputata nel 2018 nelle liste di Liberi e Uguali, formazione che lascia nel 2019 per approdare da indipendente nel gruppo parlamentare del Partito Democratico.
IL LIBRO: Finché continueremo a dire che il trattamento riservato alle donne è normale, perché è sempre stato così, vivremo in un paese arretrato e ipocrita, in cui le prese di posizione contro i divari di genere rimarranno solo scaramucce di facciata, buone per sistemarsi la coscienza ma destinate a non incidere, a non cambiare davvero le cose. "Questo non è normale" è il libro che Laura Boldrini ha voluto dedicare a una grande battaglia di civiltà, mettendo in fila fatti, testimonianze, storie che fotografano un modello patriarcale duro a morire. Un libro che fa riflettere sulle discriminazioni e i pregiudizi di tutti i giorni, in ogni ambito della nostra società. La parità tra uomini e donne in Italia si riassume nel motto "tutto cambia perché a cambi". Nonostante alcuni traguardi sulla carta, le leggi, i diritti riconosciuti e l'impegno di militanti e associazioni femministe, troppo spesso mogli, compagne, amiche, colleghe continuano a restare gregarie, subalterne, ininfluenti. E questo non è normale. La donna che sovverte lo schema è invisa, considerata una persona "strana" e un po' esaltata. Intanto il sessismo, l'intimidazione, la derisione, l'esclusione, l'odio misogino imperversano, con un unico fine: sminuire e controllare le donne per mantenere il potere maschile. La consapevolezza che tutto questo non è e non deve essere normale è l'unica strada per porre fine a un modello culturale che genera una vera emergenza sociale. Il mondo non può continuare a girare tutto intorno agli uomini, è arrivato il momento di dire basta. Questo libro rappresenta un antidoto alla rassegnazione, propone soluzioni ed esorta le donne a mollare gli ormeggi

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA