L'Olbia pareggia in casa, finisce 1-1 contro Vis Pesaro

OLBIA. Il ritorno alla vittoria svanisce a pochi secondi sulla folata di vento che accompagna la traiettoria del tiro di Marcandella che si insacca sotto l'incrocio dei pali, dove Ciocci non può arrivare.  È un pareggio che brucia per un'Olbia che aveva condotto per lunghi tratti della gara contro una Vis Pesaro apparsa rinunciataria nel primo tempo e, per quanto arrembante, poco pericolosa nella ripresa. Della sfida pomeridiana del Nespoli rimane un pareggio, il quinto consecutivo, che archivia ogni sogno di gloria per i bianchi e rinvia ad altri, impegnativi confronti, il conseguimento della matematica salvezza.

In un match contrassegnato dal forte vento, l'Olbia si presenta in campo con l'inedito tridente composto da Ragatzu-Mancini-Udoh. A sbloccare l'incontro, nel corso del primo tempo, è stato proprio il numero dieci bianco che al 33' ha depositato in rete un pallone basso messo dentro da Travaglini. Pochi minuti dopo, la chance del raddoppio. Mancini viene atterrato in area, l'arbitro ha assegna il penalty, ma Ragatzu dal dischetto si lascia ipnotizzare da Farroni che respinge il tiro.
Nella ripresa la Vis Pesaro appare più determinata ma non più efficace, mentre l'Olbia dimostra di voler controllare la gara. Al 59' Pisano ha una buona opportunità al limite dell'area, ma il suo tiro viene bloccato in due tempi dal portiere. All'80' Farroni è ancora una volta prodigioso (e decisivo) nel salvare con la mano di richiamo il tiro di Ragatzu deviato da un difensore. Ciocci all'88' dimostra di non essere da meno salvando sul tiro di Cannavò, ma nulla può al 92' quando Marcandella calcia da distanza siderale trovando una perla che gela il Nespoli.
Finisce 1-1, l'Olbia sale a 40 punti e giovedì, a Fermo, è attesa da una vera e propria guerra. 

TABELLINO 

Olbia-Vis Pesaro 1-1  | 36ª giornata
OLBIA: Ciocci, Brignani (72' Pinna), Boccia, Emerson, Pisano, Lella, La Rosa (77' Ladinetti), Travaglini, Ragatzu (89' Manca), Udoh, Mancini (72' Chierico). A disp.:  Van der Want, Renault, Arboleda, Giandonato, Perseu, Occhioni, Biancu, Saira. All.: Max Canzi.
VIS PESARO: Farroni, Manetta, Ferrini [ 64' Piccinini (86' Di Sabatino)], Cusumano, Saccani, Acquadro, Coppola (86' Tonso), Astrologo (57' Marcandella), Lombardi, De Respinis (64' Silenzi), Cannavò. A disp.: Campani, Rubin, Eleuteri, Maccioni, Besea, Rossi, Sanogo. All.: Marco Banchini.
ARBITRO: Leonardo Mastrodomenico (Matera). Assistenti: Andrea Zezza (Ostia Lido) e Pierpaolo Vitale (Salerno). Quarto ufficiale: Leonardo Di Mario (Ciampino).
MARCATORI: 33' Ragatzu, 92' Marcandella (V)
AMMONITI: 10’ Ferrini, 24’ Emerson, 43’ Mancini, 55’ Coppola, 56’ Brignani, 68’ La Rosa, 80’ Boccia, 94’ Travaglini

NOTE: Spettatori: 500 circa. Recupero: 2' pt, 4' st. Al 40' Farroni ha respinto un calcio di rigore calciato da Ragatzu.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione