Buon compleanno Costa Smeralda

OLBIA. Si è tenuta nel prestigioso hotel Four Season di Milano la conferenza stampa di presentazione degli eventi celebrativi per i 60 anni della  Costa Smeralda alla presenza del presidente del Consorzio, Renzo Persico, il vice presidente Mario Ferraro, il presidente di Smeralda Holding Franco Carraro, il dirtettore del Consorzio Massimo Marcialis, l'architetto Giancarlo Busiri Vici e Pierre André Podbielski, figlio di René, uno dei soci fondatori. Nell'occasione sono state ripercorse le origini di un'avventura lanciata dal principe Karim Aga Khan.

Questa estate sono ben 60 le candeline Costa Smeralda: era il 14 marzo del 1962 quando il principe Karim Aga Khan, insieme ad altri cinque soci – Patrick Guinnes, Felix Bigio, John Duncan Miller, Andrè Ardoin e René Podbielski – dava vita al Consorzio Costa Smeralda. Con la costituzione formale del Consorzio, nasceva un’associazione senza scopo di lucro con un obiettivo ben preciso: tutelare la natura, le acque e le tradizioni di un’area unica, garantendo un sostenibile sviluppo urbanistico, territoriale e architettonico della destinazione, impedendo ogni tipo di speculazione edilizia.
 
Per questo motivo fu istituito un Comitato di Architettura composto dagli architetti Luigi Vietti, Jacques Couëlle, Michele Busiri Vici e Antonio Simon Mossa, incaricato di redigere i piani di sviluppo e di assicurare un costante controllo architettonico dell’area. Lo scopo era quello di garantire la conservazione del patrimonio naturale preesistente e concepire uno stile in grado di coniugare le bellezze naturali con gli elementi della tradizione costruttiva locale.
Un paesaggio mediterraneo con basse costruzioni, forme semplici ed irregolari quasi volute dal vento, con archi e materiali locali, come travi di ginepro, granito e colori pastello che ancora oggi è rimasto immutato.

"Sessanta anni fa nasceva un mito: quello della Costa Smeralda - commenta Renzo Persico, Presidente del Consorzio Costa Smeralda - Il sogno del principe Aga Khan diveniva realtà, fascino e attrattività, che durano ancora oggi grazie al connubio tra natura e arte dell’accoglienza.
All'epoca della sua fondazione, la Costa Smeralda - che, ricordiamolo, è un marchio registrato e non un toponimo - era come un club privato, una comunità esclusiva, che venne popolata coinvolgendo tutto l'entourage del principe e molti esponenti del jet-set internazionale. Oggi è una destinazione turistica che grazie a chi negli anni ha saputo conservare e migliorare, adeguandola ai cambiamenti sociali, demografici, tecnologici e ambientali, è riuscita a essere un riferimento competitivo di pari passo con l'evoluzione delle esigenze del turismo di lusso Le sue spiagge e il suo mare hanno una bellezza paesaggistica che non ha paragoni oltreoceano e il territorio dell’entroterra conserva la sua anima genuina con la continuità delle sue tradizioni artigianali e gastronomiche, oltre ad offrire un patrimonio culturale e archeologico inestimabile. Un ringraziamento – prosegue Persico – anche alle amministrazioni e istituzioni del territorio per la loro collaborazione in tutti questi anni e per avere saputo, insieme al Consorzio, guardare al bene e al futuro della nostra meravigliosa Costa Smeralda perché noi siamo fruitori temporanei di una dimensione magica che va preservata per le future generazioni”
 
  “Festeggiamo un compleanno importante, la destinazione Costa Smeralda in questi sessant’anni è cambiata adeguandosi ai moderni livelli di offerta e competitività, ma nel suo sviluppo sostenibile ha sempre mantenuto un costante e significativo legame con la natura e l’ambiente – commenta Mario Ferraro, Vicepresidente del Consorzio Costa Smeralda – Ogni nostro progetto punta e punterà a preservare nel tempo questo territorio e a creare valore. Nell’ultimo quinquennio ci siamo focalizzati su progetti di sviluppo della destinazione, implementato strategie di diversificazione dell’offerta turistica, di miglioramento dei servizi rivolti ai Consorziati e turisti con l’obiettivo di rendere la destinazione più fruibile e per posizionare la Costa Smeralda a un livello più elevato e renderla ancora più prestigiosa, e oggi possiamo affermare che la nostra destinazione si presenta più forte che mai. Abbiamo creato nuove infrastrutture migliorando l’accessibilità del comprensorio, migliorato e valorizzato le aree verdi, lanciato la mobilità elettrica, tutte attività che rientrano nel progetto di rendere la destinazione sempre più sostenibile.
Ambiente, sostenibilità, nuove tecnologie e benessere sono i pilastri della nostra strategia futura per il perseguimento del nostro programma a vantaggio dei Consorziati, dei visitatori e dei turisti. Per creare una destinazione sempre più interessante e contemporanea e soprattutto diversa e unica per i prossimi 60 anni e oltre”.

Il Sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda, spiega: “Si celebra un mito, qualcosa che ancora oggi suscita stupore. La Costa Smeralda è una meraviglia internazionale, per quello che è stato costruito è un sistema che ha fatto epoca. Autentici giganti l’hanno fatta nascere, persone lungimiranti. Stare all’apice del successo è ancora più complicato che costruirlo. La Costa Smeralda deve sapersi aprire sempre di più al territorio, verso la nostra cultura millenaria ed enogastronomia, i percorsi   naturalistici, per allungare la stagione e proseguire la strada intrapresa verso la sostenibilità”.


Nel corso dei 60 anni il Consorzio ha investito sul territorio - alimentando l’economia locale di imprese, artigiani e liberi professionisti - per il miglioramento delle infrastrutture del territorio e per il mantenimento degli alti standard qualitativi, così da aumentare il valore degli immobili consortili. Nello specifico, il Consorzio negli ultimi anni ha programmato un importante piano di investimenti con il quale ha già realizzato 9 km di marciapiedi di collegamento tra le diverse località della Costa Smeralda, e una prima isola ecologica interrata. Nei prossimi anni sono previste nuove attività di business dedicate all’accessibilità, alla valorizzazione dell’appartenenza al Consorzio, alle infrastrutture necessarie per accelerare l’innovazione digitale, alla promozione della destinazione, alla tutela del marchio e all’evoluzione della Costa Smeralda in una smart destination. Nel 2019 è stato siglato inoltre un accordo con la scuola di direzione aziendale dell’Università Bocconi di Milano per la redazione annuale del report di sostenibilità aziendale per implementare le attività di salvaguardia dell’ambiente e ridurre progressivamente il proprio impatto ambientale.
 
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Olbia Arena Elisa 27 agosto 2022