Cobolli vola in finale all'Olbia Challenger

OLBIA. Flavio Cobolli vola in finale all'Olbia Challenger ed ufficializza l'approdo in top 100. Il romano batte la quarta testa di serie Alex Molcan per 6-4 6-1 e si ritaglia un posto nell'atto conclusivo del torneo ATP Challenger 125 organizzato da MEF Tennis Events sui campi in cemento del Tennis Club Terranova. A caccia del terzo titolo Challenger della carriera, alle ore 15 di domenica 22 ottobre l'azzurro affronterà per il titolo Kyrian Jacquet. Il transalpino partito dalle qualificazioni ha conquistato la simpatia del pubblico sardo partita dopo partita e ha avuto il completo sostegno dagli spalti nella semifinale vinta 6-4 4-6 7-6(5) contro Joris De Loore. La giornata si è aperta invece con la finale di doppio che ha consegnato il titolo agli indiani Arjun Kadhe e Rithvik Choudary Bollipalli, autori del successo per 6-1 6-3 su Ivan e Matej Sabanov.

Cobolli sogna la rivincita su Jacquet – Un paio di mesi dopo la prima sfida, Flavio Cobolli e Kyrian Jacquet si ritrovano nella finale dell'Olbia Challenger. Diversamente da quanto le 196 posizioni di differenza in classifica possano far pensare, si attende un match combattuto e nel primo precedente il successo è andato al tennista d'oltralpe. “Contro Jacquet ci ho perso a San Marino (6-3 4-6 6-1), quindi dovrò gestire il match nel migliore dei modi. Per fortuna ho ancora tante energie e non vedo l'ora di scendere in campo - le parole del romano, che andrà a caccia del secondo titolo Challenger stagionale -. La giornata è stata lunga e impegnativa, anche a causa della pioggia ma durante l'interruzione abbiamo trovato il modo di divertirci ed il pubblico è stato ancora fantastico”. L'accesso in finale proietta Cobolli definitivamente in top 100, adesso c'è infatti la certezza ufficiale e da lunedì sarà dunque il sesto italiano tra i primi cento (virtualmente è numero 94).

La soddisfazione del presidente Bianco – L'Olbia Challenger sta volgendo al termine ed il successo della rassegna è già certificato dalla risposta del pubblico, numeroso sin dalle prime giornate di gara. Un motivo d'orgoglio per tutto il TC Terranova e per il suo presidente Giuseppe Bianco: “Questo torneo è un sogno che si realizza. Spero che i ragazzi della scuola tennis abbiano imparato qualcosa e capito che i sogni si possono realizzare. La città ha risposto in maniera splendida ed il pubblico ha frequentato il club in maniera assidua. In questo momento provo tante emozioni abbinate ad un po' di malinconia perché siamo già al termine”. La sinergia con MEF Tennis Events ha dato vita ad uno splendido evento, apprezzato anche dai giocatori che si sono dati battaglia in campo: “Il sogno Challenger è nato grazie ad una scommessa di Marcello Marchesini che ci ha presentato un progetto cresciuto nel tempo. Doveva essere un Challenger 75 e siamo arrivati ad ospitare un torneo ATP Challenger 125. Tanti mi chiedono del futuro, ciò che sto dicendo a tutti è che da lunedì 23 ottobre inizierò a pensare all'edizione 2024”.

Risultati di sabato 21 ottobre

Semifinali
Kyrian Jacquet (Q) b. Joris De Loore (SE) 6-4 4-6 7-6(5)
Flavio Cobolli (7) b. Alex Molcan (4) 6-4 6-1

Finale doppio
Arjun Kadhe/Rithvik Choudary Bollipalli b. Ivan Sabanov/Matej Sabanov 6-1 6-3

Informazioni di accesso – Sarà possibile accedere all'evento acquistando il biglietto o l'abbonamento settimanale a prezzo ridotto sul sito www.olbiachallenger.com, oppure presso la biglietteria situata presso il Tennis Club Terranova, aperta dal 14 al 22 ottobre dalle 9.00 alle 20.00. La prevendita online dei biglietti sarà disponibile a partire dal 30 settembre. I bambini fino a 6 anni entrano gratuitamente e con il 50% di sconto fino a 12 anni. Per informazioni è possibile scrivere a ticket@meftennisevents.com. Giornalisti e fotografi possono richiedere l'accredito stampa inviando una email a credentials@meftennisevents.com.

La biglietteria è aperta sul sito www.olbiachallenger.com, mentre le richieste di accredito devono essere inviate all'indirizzo credentials@meftennisevents.com.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione