Vaccini: ostetrica rifiuta profilassi, Asur Marche la licenzia

Dall'Azienda sanitaria regionale stop al contratto a tempo indeterminato per un'operatrice dell'ospedale di Macerata

salute
AdnKronos
Milano, 15 nov. (AdnKronos Salute) - "Licenziamento per giusta causa e senza preavviso per un'ostetrica dell'ospedale di Macerata che, assegnata a un reparto a rischio, non si è adeguata all'ordine di servizio che prescriveva la vaccinazione". Lo scrive oggi il 'Corriere Adriatico' che riporta la decisione presa dall'Azienda sanitaria unica regionale: "Il direttore generale dell'area vasta 3 dell'Asur, Alessandro Maccioni, ha firmato la determina che dispone l'interruzione del rapporto di lavoro - si legge - adducendo come motivazione proprio il rifiuto di vaccinarsi nonostante sia una condizione richiesta per lo svolgimento del lavoro". L'ostetrica avrebbe risposto no all'invito alla vaccinazione e l'azienda sanitaria ha deciso per la risoluzione del contratto a tempo indeterminato.

Leggi anche