Inflazione: Unc, confermata stangata a Pasqua, con feste prezzi schizzati (2)

economia
AdnKronos
(AdnKronos) - Rese noti solo oggi, invece, i dati dell'inflazione delle regioni e dei capoluoghi di regione e comuni con più di 150 mila abitanti, in base ai quali l'Unione Nazionale Consumatori ha stilato la classifica delle città e delle regioni più care d'Italia, in termini di aumento del costo della vita. Secondo lo studio dell'associazione di consumatori, in testa alla classifica dei capoluoghi e delle città con più di 150 mila abitanti più care in termini di rincari, si conferma Bolzano che, con un'inflazione a +1,8%, ha la maggior spesa aggiuntiva, equivalente, per una famiglia tipo, a 598 euro su base annua. Al secondo posto, Brescia dove il rialzo dei prezzi dell'1,5%, determina un aumento del costo della vita, per la famiglia media, pari a 440 euro, terza Verona, dove, pur essendoci un'inflazione superiore a Brescia, +1,6%, l'aggravio annuo di spesa è inferiore, pari a 421 euro.La città più conveniente, in termini di minori rincari, è, invece, Perugia dove l'inflazione a +0,3% genera un esborso addizionale annuo di 67 euro. Al secondo posto Reggio Calabria (+0,5%, pari a 94 euro) e al terzo Cagliari, +0,6%, con un aumento del costo della vita pari a 118 euro.In testa alla classifica delle regioni più costose (cfr. tabella n. 2) in termini di maggior spesa, il Trentino Alto Adige, che con l'inflazione a +1,5 registra, per una famiglia tipo, una batosta pari a 425 euro su base annua. Segue la Lombardia, dove l'incremento dei prezzi pari all'1,2% implica un'impennata del costo della vita pari a 342 euro, terza la Liguria, dove, pur essendoci un'inflazione all'1,5%, pari al Trentino, si ha un salasso annuo di 332 euro. L'Umbria è la regione con meno rincari, con un'inflazione dello 0,5% che si traduce in una spesa aggiuntiva di 108 euro.

Leggi anche

SIDDURA MAÌA