Fase 2: alcol sequestrato da Gdf sarà disinfettante per ospedali lombardi

cronaca
AdnKronos

Milano, 25 giu. (Adnkronos) - Sono più di 20.000 i litri di alcol etilico sequestrati dalla Guardia di finanza di Brescia e Caserta coordinati, rispettivamente, dalle procure di Brescia e Napoli Nord, che questa mattina sono stati consegnati alla Protezione Civile di Brescia per la loro successiva assegnazione a numerosi nosocomi lombardi che ne hanno fatto richiesta e che trasformeranno il prodotto alcolico in disinfettanti, essenziali specie in questa seconda fase dell’emergenza Covid-19, per sanificare gli ambienti ospedalieri della regione più colpita dalla pandemia.

Trattasi di alcol puro al 95% che, una volta diluito, diventerà disinfettante o igienizzante per circa 25mila litri. L'iniziativa è del Comando provinciale di Brescia che, con il supporto della Prefettura di Brescia - che ha coordinato l’attività con il commissario straordinario per l’emergenza Arcuri e dell’Agenzia delle Dogane che ha seguito la parte fiscale sul prodotto alcolico sequestrato - ha dato vita ad una collaborazione istituzionale finalizzata a devolvere agli ospedali lombardi pubblici e no profit l'alcol sequestrato più di due anni fa in un deposito bresciano in un'indagine per associazione per delinquere dedita al contrabbando di prodotti alcolici su scala internazionale.

L'alcol sarà destinato agli Spedali Civili di Brescia, all'ospedale di Esine, all'ospedale Poliambulanza di Brescia, all'ospedale Maggiore di Lodi con l'ospedale di Codogno, all'ospedale 'Sacco' di Milano, all'ospedale di Mantova, all'ospedale San Matteo di Pavia e Asst Valtellina Alto Lario.

Leggi anche