Rifiuti dalla Corsica alla Sardegna
Sgominata organizzazione in Gallura


TEMPIO. Trasportavano tonnellate di rifiuti ferrosi dalla Corsica alla Sardegna con approdo al porto di Santa Teresa, nella zona della Gallura, dove intendevano smaltirli. Nove uomini di nazionalità rumena, tutti residenti nel sassarese, sono stati denunciati per trasporto illecito di materiale ferroso e per il mancato possesso dei relativi permessi al trasporto e allo smaltimento. Le indagini del nucleo investigativo del corpo forestale di Tempio hanno portato oltre che alle nove denunce anche al sequestro di decine di camion contenenti più di 400 tonnellate di rottami ferrosi, oli e batterie in disuso, materiali estremamente inquinanti.

L'indagine ha preso il via nel 2012 grazie alle segnalazioni della forestale di Palau e Trinità che aveva intercettato più di una volta il passaggio di questi camion carichi di ferro da Santa Teresa a Castelsardo. Secondo il direttore del servizio territoriale del corpo forestale di Tempio, Giancarlo Muntoni, si tratta di una vera e propria organizzazione dedita allo smaltimento dei rifiuti  e le merci sequestrate, tutte provenienti dalla Corsica, sarebbero state rivendute tutte al mercato nero tra i venti e trenta centesimi di euro al chilo. Sono in corso le indagini per scoprire chi siano i destinatari finali della merce ma per capire anche da chi l'organizzazione acquistava.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Golfo Aranci