CUMENTI SI DIZI…

Li pizoni di la ziddai
e chissi di la campagna

In chisth’appuntamentu vi vurimmu raccuntà uniguanti cosi sobr’a l’innommi di li pizoni in linga sassaresa.
di Salvatore Taras e Mario Lucio Marras

SASSARI. Veru è chi in Sassari si vedini curracci (le cornacchie), sempri di più e sempri in zercha di casche musthoggiu puzzinosu. Vi pudimmu vidè curombi (colombi), rùndini (rondini), casche coibu marinu (gabbiano) candu tira lu maisthrari e, dugna tantu, mèruri (merli) e biddisò (passeri). Ma fora da la ziddai li cosi ciambani: in campagna si vedini e s’intendini un be’ di pizoni. E cumenti si ciammani?
Beh, v’è lu biccaregna, in italianu “picchio”, v’è l’accuccadditta, saristhia a dì “l’allodola”, si po intindì l’aribintu, lu “fringuello” e lu fuifaraggiu, “passero sardo”. Curiosu l’innommu di la “cinciallegra”, chi si dizi caggazzua; unu chi po fazzi fa confusioni, acchì s’assumiglia a lu cuccuau, “bernoccolo”, è lu cuccummiau, in italianu “civetta, gufo”, chi v’ha althri parenti: la zonca, “assiolo” e lu pizoni di l’isthrea, “barbagianni”, tutti amigghi di la notti e tutti occi manni.
Ma althri curiosiddai no ni mancani: la firumena, chi saristhia la “capinera”, la pupusgia,  in italianu “ùpupa”, curiosa pa’ la so’ crestha,  lu frabainzu (chi no è un fraddi cu’ la chirigga…), in italianu “pettirosso”, la muschitta, “scricciolo”, la piana, pizoni chi si vedi d’isthiu ed è una musigga di curori, in italianu “gruccione”.
E pa’ finì, li cazzadori: l’ipaderi, saristhia a dì “sparviero”, l’asthori, “astore, lu ziribriccu, in italianu “falchetto, gheppio” e l’àggura,  “aquila”, paddrona di lu zeru, chi pudimmu vidè sobr’a li muntagni, cumenti l’antuzu, “avvoltoio”.
Cumenti si po vidè, lu sassaresu ha un innommu assai dibessu da l’italianu pa’ tanti pizoni; soru pogghi s’assumigliani: gabbianu, carandra, canarinu, gasdheddina e althri.
Piccaddu chi massimamenti li pizzinni sassaresi aggiani assai pogghi occasioni di vidè tutta chistha marabiglia e di ciamà dugna pizoni cu’ l’innommu soiu.


"Progetu realizadu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autonoma de Sardigna - L.R. 26/97 subra sa limba e sa cultura sarda"

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA