CUMENTI SI DIZI…

Modi di dì pa’ cassisia situazioni

Abemmu zirchaddu chissi chi hani a chi fa cun l’animari, ma… riguardhani l’ommini d’abà e di sempri
di Mario Lucio Marras e Salvatore Taras

In dugna loggu di chistha terra, da candu mondu è mondu, la genti ha sempri trattaddu modi di dì chi nasciani - e nascini - da la vidda mattessi, da lu trabagliu, da lu fattu di vibì cun l’altrhi, da li vizi e da li preggi di l’ommu.
No si po dì chi la linga  sassaresa sia una moscha bianca e chi  si fozzia mancà dicci ipiritosi e modi di dì curiosi assai, adatti a tanti situazioni. Tandu abemmu pinsaddu chi saristhia andaddu be’ d’arrasgiunanni. Una cosa è sigura: la fantasia no zi manca e no z’è mai mancadda, saristhia basthanti pinsà a li gobbuli o a la cionfra. E dendi un’ucciadda a uniguanti modi di dì chi vi prisintemmu, li conti torrani. L’abemmu isciubaraddi tra tanti e, pinsendi a l’antiggu pueta latinu Fedro, abemmu zirchaddu chissi chi hani a chi fa cun l’animari, ma… riguardhani l’ommini d’abà e di sempri.
Ca è chi no ha mai intesu “pidocciu azzaddu” o “la pùrizza cun lu catarru”? Be’, vi so puru chisthi:
L’ainu no magna pèbaru, saristhia a dì chi unu chi è zèrraggu di natura, no sa apprizià li cosi fini;
Ca si coscha cun lu cani, si ni pesa cun la pùrizza: lu chi isthazi cun zertha genti, pa’ fozza ni paga l’ischotti;
Megliu cabbu di zarrettu che coda di tunnu: è megliu assé lu primmu in mezz’a pogghi che l’ulthimu in mezz’a tanti;
Ca pégura si fazi, lu lupu si lu magna, saristhia a dì chi si unu fazi che la pégura, acciappa caschunu più maru chi si lu magna;
A cunsigliu di mazzoni, occi a li giaddini: è megliu no fidassi di la genti lonfia;
Ca fazi la cordha cun la pùrizza, mori a denti isthrinti: ca vo aurrà e guadagnà in cassisia manera, mori cumenti l’azziccaddu, a denti isthrinti;
Abé la paga di lu boi dumaddu: lu boi chi ha sempri trabagliaddu, lu pagani purthendiru a lu mazzeddu;
La moscha anzena ni caba l’occi: li difetti di l’althri so li chi dazini più fasthidiu;
Pidocciu azzaddu, pidocciu pusaddu: lu mengu chi s’è fattu riccu soru pa’ furthuna, rimani sempri mengu.
Chi vi ni pari? Vi n’è propiu pa’ tutti. E lu sassaresu ridesci a fa cumprindì assai be’ zerthi viriddai, chi a caschunu… zi farani di trabessu!



"Progetu realizadu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autonoma de Sardigna - L.R. 26/97 subra sa limba e sa cultura sarda"

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS