Golfo Aranci
TIME IN JAZZ

Presentato a Milano il Time in Jazz 2018: Coleman, Youssef, Lundgren e Landgren

OLBIA. E' stato presentato ieri mattina a Milano il cartellone del trentunesimo Time in Jazz, il festival internazionale ideato e diretto da Paolo Fresu, in programma dall'8 al 16 agosto tra il suo paese natale, Berchidda, e vari altri centri del nord Sardegna. Tra i partecipanti alla conferenza stampa, che si è tenuta al Palazzo della Triennale, il giornalista Stefano Salis ha sottolineato come Paolo Fresu abbia contribuito con il suo festival allo sviluppo e a rendere centrale Berchidda. Un concetto ripreso nel suo intervento anche da Pierluigi Stefanini, presidente di Unipol Gruppo, tra i principali partner del festival. Nel rivendicare la diversità di Time in Jazz, nato come una scommessa nel 1988, il suo direttore artistico ha posto l'accento sull'importanza della cultura come straordinario strumento di investimento: citando un recente studio del CISET, Centro Internazionale di Studi sull'Economia Turistica, sulle ricadute degli eventi culturali e di spettacolo, Paolo Fresu ha proposto i dati essenziali del festival dove, a fronte di un budget di circa 5oo mila euro spesi nell’organizzazione di ciascuna edizione, ogni euro investito ne produce 15 di spesa dei visitatori, per 6 euro di valore aggiunto.

Al tavolo dei relatori anche Nick The Nightfly, cantante, deejay e inconfondibile voce di Radio Monte Carlo (new entry fra i partner di Time in Jazz), che ha parlato di questa nuova collaborazione, che desiderava fare da tempo, e di come per lui Berchidda sia stato un luogo della fantasia, fino a quando non ci è andato per la prima volta, undici estati fa.È un appuntamento che si rinnova dal 1988, uno degli eventi più attesi dell'estate jazzistica: dall'8 al 16 agosto ritorna Time in Jazz, il festival internazionale ideato e diretto da Paolo Fresu tra il suo paese natale, Berchidda, e vari altri centri e località del nord Sardegna.

Salutata l'anno scorso la sua trentesima edizione, la manifestazione interrompe temporaneamente la consuetudine di ruotare intorno a un percorso tematico caratterizzante, e sceglie stavolta come titolo un numero romano: "XXXI". Spiega Paolo Fresu nelle sue note di presentazione: "Ciò che vogliamo fare per i prossimi 3 anni è giocare sui numeri romani XXXI, XXXII, XXXIII perché ci appassiona ed è stimolo per nuove connessioni artistiche e creative. Del resto, se abbiamo fatto 30 possiamo fare 31 e, dopo l'edizione del 2020, proveremo a 'dire 33' per comprendere se lo stato di salute di Time in Jazz è buono. Perché lo sia continueremo ad impegnarci come abbiamo fatto in questi primi 30 anni. Con passione e dedizione. Mettendoci all'ascolto di quelle che sono le novità della musica contemporanea in campo internazionale ma senza dimenticare il jazz italiano che, sempre di più, è presente in seno al programma del nostro festival".

 Su queste coordinate si svilupperanno dunque le nove giornate del prossimo agosto in terra sarda, un calendario come sempre fitto di proposte differenti, con il consueto occhio di riguardo per il jazz italiano e in particolare per i suoi giovani esponenti (alcuni dei quali, riprendendo la positiva esperienza dell'anno scorso, saranno coinvolti anche come volontari nelle varie branche dell'organizzazione del festival): un vasto e variegato cast che abbraccia diverse generazioni di musicisti e comprende, tra gli altri, i nomi di Enrico Rava con il suo gruppo Tribe (Gianluca Petrella, Giovanni Guidi, Gabriele Evangelista, Fabrizio Sferra), Gegè Munari, Greta Panettieri, Enrico Zanisi, William Greco, Emanuele Maniscalco, Carla Casarano, Matteo Bortone, Vincenzo Saetta, Gabrio Baldacci, Francesco Lento, Pasquale Mirra, Marco Bardoscia, Stefano Tamborrino, Francesco Diodati, Luca Bulgarelli, oltre ai quasi esordienti Giovanni Gaias, giovane batterista berchiddese, e ai Plus 39, ovvero il gruppo composto dai migliori allievi della scorsa edizione del Seminario Nuoro Jazz.

 
Accanto agli italiani, una qualificata pattuglia di artisti internazionali: il sassofonista americano Steve Coleman con i Five Elements, il suonatore di oud e cantante tunisino Dhafer Youssef, la big band franco-algerina-marocchina Fanfaraï e, in arrivo dalla Svezia il pianista Jan Lundgren e il trombonista Nils Landgren con i rispettivi progetti.

Novità nel palinsesto del palco "centrale", del festival, quello allestito nella piazza del Popolo a Berchidda: in programma non due ma un solo set per ciascuna delle quattro serate previste (quelle da domenica 12 a mercoledì 15), seguito però da un "late night show" nella piazzetta adiacente curato da Gianluca Petrella: "Time is over" (questo il titolo), un dopofestival all'insegna di groove e ritmiche africaneggianti, hip-hop e scratch con ospiti di volta in volta diversi come Mop Mop, dj Khalab, dj Gruff e altri a sorpresa.

 
Più di trenta eventi musicali che si succedono nell'arco di nove giorni, dal mattino a notte fonda, come sempre in spazi e scenari differenti: dai boschi montani agli scorci marini, dalle stazioni ferroviarie alle chiesette di campagna, dalle piazze agli altri luoghi notevoli dei diversi comuni (quattordici, al momento, quelli confermati), che insieme a Berchidda costituiscono il "circuito" del trentunesimo Time in Jazz: Bortigiadas, Cheremule, Erula, Loiri Porto San Paolo, Mores, Olbia, Ozieri, Ploaghe, Posada, San Teodoro, Sassari, Sorso, Telti, Tempio Pausania.

 
E accanto alla musica, il consueto spazio previsto per le varie iniziative di promozione e sensibilizzazione ambientale, presentazioni di novità editoriali, la selezione di film e documentari curata dal regista Gianfranco Cabiddu, e il Progetto Arti Visive curato da Giannella Demuro e Antonello Fresu, a completare un cartellone fitto di appuntamenti messo in cantiere dall'associazione culturale Time in Jazz con il contributo della Fondazione di Sardegna, del Banco di Sardegna, – Gruppo BPER delle Amministrazioni Comunali di Berchidda e degli altri centri interessati, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell'Unione Europea/progetto Caras, e progetto LIFE – GreenFEST della Comunità Montana Monte Acuto, con la partecipazione e il sostegno di Unipol Gruppo, Corsica Ferries–Sardinia Ferries, SIAE, Geasar, Agenzia Regionale Forestas, Associazione i-Jazz, Ente Musicale di Nuoro, Festival Creuza de Mà, Radio Monte Carlo, Le Cantine del jazz, Area Marina Protetta Tavolara, Escursì, Tanda&Spada, Sardo Sole, Società agricola MP Sardinia, Acqua San Martino.

 
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA