Arru a La Maddalena per incontrare i cittadini: "Garantiamo operatività"

OLBIA. "Stiamo costruendo un sistema sanitario più efficiente e integrato con un'organizzazione più razionale in grado di contenere gli sprechi senza pregiudicare i servizi. Sono venuto a La Maddalena per ascoltare i cittadini e fornire rassicurazioni sull'ospedale "Paolo Merlo" che resta in vita per continuare a svolgere il suo ruolo di presidio sanitario fondamentale nel territorio".
Lo ha detto l'assessore della Sanità Luigi Arru che oggi, insieme al direttore generale dell'Ats Fulvio Moirano e alla responsabile dell'area socio-sanitaria dell'Assl di Olbia Antonella Virdis, ha incontrato i cittadini che hanno creato un presidio davanti alla struttura assistenziale. Erano presenti il consigliere regionale Pier Franco Zanchetta e il sindaco Luca Montella.

"Non c'è alcuna volontà di ridimensionare l'ospedale né di danneggiare i pazienti eliminando parti  essenziali", ha precisato l'esponente della Giunta.  Arru ha spiegato che molti importanti servizi saranno presto operativi a partire dalle terapie chemioterapiche per i pochi pazienti che per motivi di sicurezza sino a oggi si sono recati a Olbia. Rassicurazioni anche sul servizio di dialisi che continuerà ad essere assicurato e sulla pediatria per la quale sono allo studio le migliori soluzioni per la copertura delle ore notturne. Inoltre, a breve, sarà aperto il nuovo laboratorio di chirurgia per le prestazioni ambulatoriali.

"La vera criticità - ha sottolineato l'assessore - è legata al punto nascita per il quale a livello nazionale sono previsti criteri molto rigidi. Noi presenteremo la richiesta di deroga per tutti i punti nascita in Sardegna sotto i 500 parti: La Maddalena, Tempio, Lanusei e Alghero. Discuteremo con il Ministero della Salute ma la scelta è tecnica ed è affidata al Comitato nazionale Percorso Nascita. Abbiamo comunque previsto un percorso di garanzia a favore delle neo mamme per le quali esistono particolari forme di aiuto e assistenza a La Maddalena". L'assessore, al termine della mattinata, ha incontrato medici e personale infermieristico in servizio all'ospedale "Paolo Merlo" per un'ulteriore verifica della situazione.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA