Approvato a Golfo Aranci il progetto di ampliamento del cimitero

OLBIA. La giunta comunale di Golfo Aranci ha approvato il progetto definitivo, Lotto 1, per l’ampliamento del cimitero comunale per il quale adesso partirà la fase esecutiva, che prevede la realizzazione di una nuova area in aderenza a quella già esistente per rispondere all’urgente necessità di nuove strutture per la sepoltura. «L’Amministrazione Comunale – spiega il Sindaco Giuseppe Fasolino -è riuscita ad ottenere dalla Regione un importo del 50%, pari a 250.000 euro quale contributo per la realizzazione dell’opera, ampliando sul lato Est l’attuale area cimiteriale che sorge in prossimità della chiesa parrocchiale. L’ampliamento manterrà doverosamente una conformità stilistica, architettonica, morfologia ed estetica con l’esistente».

Dalle tavole di progetto si evince che la nuova area cimiteriale di via Libertà sarà dotata di un ulteriore ingresso frontale indipendente con analoga conformazione di quello già esistente, un corridoio interno di collegamento con la vecchia zona ed ospiterà 150 nuovi manufatti cimiteriali e 90 urne cinerarie, oltre a locali tecnici e di servizio. «La necessità di realizzare nuovi spazi era ormai indispensabile – prosegue Fasolino – e la soluzione progettuale adottata consentirà da un lato di rispondere ad una richiesta attesa da tanto tempo dalla nostra comunità e dall’altro di gestire il cantiere senza interferire nell’uso funzionale del cimitero per il quale per ogni fase di lavoro sarà comunque permesso l’accesso».

«È un risultato molto importante – aggiunge l’Assessore Langella – con cui facciamo fronte al problema della inadeguatezza dei posti disponibili presso il cimitero comunale. Una situazione che necessitava di risposte concrete, per questo ci siamo attivati dando velocità agli uffici nel trovare una soluzione adeguata per tumulare i defunti in un momento in cui i dati statistici ci confermavano la necessità della creazione immediata di nuovi loculi e ossari».
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche