Noleggio abusivo di gommoni e barche a La Maddalena, sanzioni per 25mila euro

OLBIA. Nell’ambito delle attività di controllo svolte dai militari della Capitaneria di Porto di La Maddalena in materia di corretto utilizzo delle unità da diporto in occasione dell’inizio della stagione estiva, è stata avviata un’attività di controllo mirata a contrastare il fenomeno dell’utilizzo abusivo di natanti ed imbarcazioni da diporto impiegate in attività commerciale di trasporto di turisti lungo le coste dell’arcipelago maddalenino.

In particolare sono state individuate e sanzionate numerose unità da diporto che, “sostituendosi” alle unità da trasporto passeggeri che abitualmente conducono i turisti in escursione presso le Isole dell’arcipelago di La Maddalena, effettuavano di fatto un’attività di noleggio abusivo, essendo l’unità da diporto adibita ad altra tipologia di attività.

Altre unità, abitualmente adibite ad uso privato, sono state invece “pizzicate” mentre effettuavano attività di noleggio occasionale senza aver tuttavia proceduto alle incombenze amministrative previste dal Codice della Nautica da diporto, svolgendo pertanto l’attività nella totale illegalità. Numerose anche le irregolarità riscontrate in materia di documentazione a corredo delle attività svolte con le predette unità da diporto che attestano regolarità ed il rispetto delle dotazioni e norme in materia di sicurezza della navigazione.

In pochi giorni di attività sono già state contestate sanzioni amministrative per un importo complessivo pari a circa 25mila euro. Come previsto dalla attuale normativa vigente di cui al D.P.R. 600/73, gli atti di accertamento verranno trasmessi ai competenti comandi della Guardia di finanza, al fine di consentirne la valutazione in ordine a possibili configurazioni di violazioni delle norme tributarie e fiscali. Le attività di controllo, svolte sia in mare che a terra, si intensificheranno nei prossimi giorni e settimane, anche in concomitanza con il periodo più intenso della stagione estiva.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche