Ultima serata del Festival "Una Notte in Italia"

OLBIA. Cala il sipario sul Festival del Cinema di Tavolara “Una notte in Italia”. Dopo il bagno di folla di ieri, nell’unica arena al mondo raggiungibile solo via mare, oggi domenica 21 luglio la 29esima edizione della storica manifestazione saluterà il suo pubblico con una serata da non perdere. Alle 21.30, a Tavolara, verrà consegnato il premio EcoMov cinematavolara a Stefano Fresi, con la collaborazione della Sardegna Film Commission. Subito dopo saranno proiettate le immagini del primo film italiano di Goran Paskaljevic Nonostante la nebbia con Donatella Finocchiaro, la madrina del Festival. Poi sarà la volta del cortometraggio Frontiera di Alessandro di Gregorio, in collaborazione con la Fondazione Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello. Infine la commedia Tutti pazzi per Yves di Benoît Forgeard, per il quale ci sarà il rapper Frankie hi-nrg mc. La serata sarà presentata da Geppi Cucciari. Invece alle 18.30 in piazza Gramsci a Porto San Paolo si terrà l’ultimo incontro con alcuni dei protagonisti di questa edizione del Festival: Stefano Fresi, Frankie hi-nrg mc, Andrea Romeo e Donatella Finocchiaro.

Ieri sera centinaia di persone hanno raggiunto l’isola di Tavolara per assistere alla serata dedicata in particolare al cinema sardo. Con la collaborazione della Sardegna Film Commission è stato consegnato il premio EcoMov cinematavolara speciale alla carriera a Benito Urgu. Grande successo e ovazione del pubblico per il film campione d’incassi in Sardegna L’uomo che comprò la luna di Paolo Zucca, proiettato in occasione dei 50 anni dallo sbarco sulla luna. Presenti a Tavolara, insieme al regista, anche i protagonisti del film Jacopo Cullin e Francesco Pannofino e il produttore Amedeo Pagani. A chiudere la serata, introdotta dal corto Mini Una tradizione di famiglia alla presenza del regista Silvio Soldini, direttore artistico del progetto, è stata l’apprezzata commedia C’è tempo di Walter Veltroni, anche lui uno degli ospiti della kermesse. Prima di imbarcarsi alla volta di Tavolara, invece, i protagonisti della serata di ieri si sono raccontati nel consueto incontro in piazza Gramsci a Porto San Paolo.

Il Festival, fondato dai fratelli Marco e Augusto Navone con la direzione artistica di Piera Detassis, ha preso il via lo scorso martedì 16 luglio. Tre le location: Oasi Naturalistica La Peschiera di San Teodoro, piazza Lungomare di Porto San Paolo e isola di Tavolara. La manifestazione è organizzata delle associazioni Argonauti e Cinematavolara, in collaborazione con Sky Arte HD, Mini e Fondazione Sardegna Film Commission, ed è patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal Ministero dell’Ambiente, dall’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo, dalla Regione Autonoma della Sardegna, con gli assessorati alla Cultura e al Turismo, e dai tre Comuni coinvolti: Olbia, San Teodoro e Loiri Porto San Paolo. A sostenere l’evento, presente nel circuito degli eventi cinematografici in Sardegna, Le Isole del cinema, Eni, Sinergest, Moys Marina di Olbia, Edugov, Moby, Tirrenia, Immobilsarda, Cantine delle Vigne di Piero Mancini, Wella, Intesa San Paolo, Naima e Fondazione Sardegna Film Commission. Mini rivive la settima arte presentando il progetto Mini Filmlab dedicato ai giovani film-maker, con il supporto di OffiCine (progetto nato dalla collaborazione di Anteo spazioCinema e Istituto Europeo di Design). I cortometraggi sono stati realizzati sotto la supervisione artistica di Silvio Soldini. Gli incontri in piazzetta hanno come media partner il settimanale Elle.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica

SIDDURA TÌROS