Ripresa economica dell'Isola, la Cisl Sardegna avanza alcune proposte

OLBIA. La Cisl Sardegna esprime alcune valutazioni in merito ai provvedimenti della Regione per la ripresa economica dell'isola e per fsr fronte all'emergenza del Covid-19. Ecco la nota stampa firmata dal segretario generale Gavino Carta. In un momento così difficile per la Sardegna e per il Paese è certamente necessario un grande sforzo collettivo, e di condivisione delle proposte, per rilanciare l’economia e per far fronte all’emergenza sanitaria ancora in atto. Il presupposto è che questo impegno unitario derivi da un riconoscimento dei ruoli di quanti, da posizioni diverse, si spendono per il bene comune del paese e della Regione.
Sul versante dell’impegno sindacale i punti fermi che caratterizzano la nostra attività riguardano alcuni punti fermi: -la tutela della salute e la sicurezza nei posti di lavoro,  - il rafforzamento del sistema socio-sanitario e la dotazione delle attrezzature indispensabili allo svolgimento delle funzioni di tutti gli operatori, -il finanziamento da parte dello Stato e della Regione degli interventi necessari a far ripartire l’economia, a tutela delle persone e dei settori più colpiti dall’emergenza sanitaria e dal blocco delle attività produttive In questa direzione vanno valutati gli interventi per l’emergenza sanitaria e produttiva, oltre quelli più strutturali utili a far ripartire l’economia, sostenendo le imprese e i settori produttivi più in difficoltà.  
Alla Regione chiediamo interventi che raggiungano subito lavoratori, famiglie, imprese.  
       
1) Indispensabile una nuova manovra finanziaria e di bilancio riorientata sul rilancio dell’economia e del lavoro. Nell’immediato come già detto è prioritario sostenere le famiglie e sostenere le imprese e il tessuto produttivo messo a dura prova dall’emergenza sanitaria e dalla sospensione dell’attività. Anche la Regione deve immettere liquidità nel sistema delle imprese, e non solo attraverso le facilitazioni sulle garanzie di accesso al credito, ma indirettamente riducendo anche una parte dei tributi di competenza regionale, e abbattendo il costo degli interessi sul debito. Ma un altro obiettivo prioritario che la Regione deve concretizzare in tempi rapidissimi è l’accelerazione della spesa regionale in particolare su tutti i capitoli riguardanti i fondi europei e l’immediato disbrigo delle pratiche di pagamento sui crediti delle società, agendo sulla burocrazia e la semplificazione delle procedure. Il Programma regionale di sviluppo e il Bilancio, alla luce anche di una legge di stabilità per il 2020 varata a carattere tecnico, devono essere quindi riorientati, affrontando la recessione e l’emergenza sanitaria e produttiva, con una nuova manovra di dimensione e indirizzi straordinari e con nuovi investimenti. Tale nuova manovra dovrà avere una scansione pluriennale e trovare collocazione in vista del 2021 nel prossimo Documento Economico e Finanziario. In questa programmazione fondamentale diventa il finanziamento delle infrastrutture e della innovazione tecnologica e digitale. Il rafforzamento della rete dei servizi pubblici diventa altresì improcrastinabile, anche per l’esperienza maturata negli ultimi mesi di emergenza da Covid19. Occorre migliorare gli organici del sistema socio-sanitario con le assunzioni di operatori indispensabili alla prevenzione e cura, soprattutto nell’assistenza domiciliare, nei controlli della RSA e delle case di riposo, nella non autosufficienza e nell’assistenza a domicilio nell’accompagnamento e nella tutela minori. Altro e primario obiettivo riguarda la istituzione di un Fondo annuale e pluriennale per la formazione professionale, la digitalizzazione del sistema e l’aggiornamento del personale , insieme al rafforzamento della dotazione informatica delle scuole.
2) La Regione deve reperire risorse finanziarie aggiuntive e rinegoziare con il Governo la copertura della spesa sanitaria, del trasporto pubblico locale e della continuità territoriale Occorre, come già detto cantierare subito le risorse disponibili e reperirne altre manovrabili e aggiuntive rispetto a quelle attualmente riportate nei capitoli di spesa (regionali, nazionali ed europei) del Bilancio recentemente approvato. Le somme derivanti dalla riprogrammazione di parte dei Fondi strutturali ( FESR e FSE) non sono infatti sufficienti a coprire neppure una minima parte degli interventi necessari, si tratta peraltro di risorse non aggiuntive, ma con destinazione già prevista, ancorché in diversi casi non legate ad obbligazioni giuridicamente vincolanti. Il ricorso alle risorse della Banca Europea degli Investimenti, come previsto dalla Giunta regionale, riguarda pur sempre una operazione di indebitamento che, pur dilazionata in tempi lunghi, non risolverebbe il problema di molte aziende dei settori individuati come destinatari degli interventi, le quali aziende, anche per le difficoltà conseguenti all’attuale crisi, in gran numero non potrebbero ricorrere a questo strumento. Dunque restano poche strade per immettere nel sistema produttivo sardo una quantità adeguata di risorse finanziarie da parte della Regione, per integrare la strategia dello Stato e dell’Unione Europea, senza gravare pesantemente sul bilancio delle imprese e sulle tasche dei cittadini: la contrazione di mutui per investimenti, l’avallo dello stato e del’UE a superare lo scoglio del pareggio di bilancio, e dunque la scelta di operare in disavanzo, il via libera dello Stato per mutui da utilizzare per la spesa corrente. Soprattutto occorre che la regione si ponga nell’immediato un obiettivo, che occorrerà con intelligenza perseguire e che risolverebbe gran parte dei problemi di disponibilità di risorse finanziarie, ossia la rinegoziazione con il Governo nazionale dei costi della sanità, del trasporto pubblico locale e della continuità territoriale, tutti a carico della Regione dal 2006, diversamente da quanto avviene nella quasi totalità delle altre Regioni.
4) Necessaria una regia unitaria tra Regione, Enti Locali e Sindacati per rilanciare l’economia e il lavoro nell’Isola. Come è evidente, gli interventi adottati dalla Regione e le risorse finanziarie individuate, non sono certo risolutivi di un’emergenza economica e sociale senza precedenti come quella in atto, anche valutati nella loro natura integrativa di quelli statali. Gli strumenti e le diverse tipologie, soprattutto quelle riguardanti le attività produttive, necessitano di procedure complesse, altri hanno bisogno di ulteriori adempimenti, altri ancora, appena annunciati, devono essere resi pubblici. In ogni caso occorre coordinarli e seguirli tutti in ogni fase, verificarne il percorso, i tempi e l’attuazione, mentre sul piano dell’impatto sociale della crisi le conseguenze si manifesteranno però, in forme ancora più drammatiche, dopo il periodo di scadenza degli ammortizzatori sociali. Ecco perché, senza perdere ulteriore tempo, è indispensabile già da oggi ragionare e mettere in campo una strategia, anche di medio periodo, di governo degli interventi per l’uscita dalla crisi. Una regia unitaria, che metta insieme Regione, Parti sociali e imprenditoriali, ed Enti locali. E’ questa l’unica strada per condividere e attuare una strategia dei sardi utile a riprendere il cammino dello sviluppo e del lavoro nell’Isola.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA