Un 20enne olbiese nei guai per spaccio di droga: arrestato

OLBIA. Nella notte tra il 30 ed il 31 dicembre scorso, ad Olbia – zona Gregorio - i carabinieri della sezione operativa del reparto territoriale di Olbia, nel corso di un’operazione finalizzata alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato l.p. – disoccupato, di 20 anni, olbiese, incensurato - e segnalato all’autorità amministrativa quale assuntore di sostanze stupefacenti un giovane studente olbiese di 18 anni.
L’arrestato è stato sorpreso durante la cessione all’atro giovane di circa sessanta grammi di marijuana. La successiva perquisizione presso una villetta in suo uso ha permesso di rinvenire ulteriori 1,665 kg. di marijuana, già tagliata ed imbustata, e 5 grammi di hashish.

Inoltre, in uno stanzino appositamente creato per coltivare le piante di marijuana, è stata scoperta una vera e propria serra di venti piante di cannabis indica, dell’altezza compresa tra 1,50 e 1,80 metri. Tale ambiente era stato adibito alla coltivazione domestica grazie all’utilizzo di deumidificatori, termometri e lampade termiche, in modo che la temperatura fosse sempre costante. Nella casa il giovane aveva creato anche un vero e proprio laboratorio, con materiale atto al confezionamento ed attrezzatura per l’essiccazione e l’asciugatura delle piante.  
La perquisizione ha permesso di rinvenire anche due bilancini di precisione e la somma in contanti di 4.400 euro, ritenuta provento dell’attività illecita. La sostanza stupefacente, il denaro e l’altro materiale sono stati sequestrati.
Nella stessa giornata, il tribunale di Tempio Pausania ha convalidato l’arresto, disponendo per il giovane la misura cautelare degli arresti domiciliari.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica