L'Olbia in campo questo pomeriggio alle 15 contro la Pergolettese

OLBIA. Uno scontro salvezza. Da combattere con l'ardore e l'ambizione di chi vuole, con tutte le proprie forze, tornare a casa con un successo. Con questo spirito, l'Olbia è partita alla volta di Crema dove domani, contro la Pergolettese, scenderà in campo determinata a conquistare i tre punti per ricucire la distanza che la separa dal club lombardo e dare un sensibile miglioramento alla propria classifica. 

Che l'avversario sia tra i più ostici della categoria lo confermano Max Canzi nella presentazione della vigilia e una partita di andata che, per come maturata (4-1 in favore della Pergolettese), brucia ancora sull'orgoglio dei bianchi: "Quella dell'andata è stata senza dubbio la peggiore Olbia della mia gestione e anche per questo sono sicuro che scenderemo in campo con la voglia di fare bene e portare a casa il risultato che ci serve. Certo, non sarà semplice: la Pergolettese è una squadra difficile da affrontare, che sta attraversando peraltro un buon momento di forma. Dopo due vittorie consecutive, è uscita sconfitta di misura con la Pro Vercelli ma la prestazione è stata ottima". 

L'Olbia ha dimostrato in stagione di saper cambiare pelle e adattarsi alle caratteristiche dell'avversario. Con la Pergolettese, servirà dell'undici bianco una versione tatticamente compatta e caratterialmente astuta: "Da parte nostra - conferma Canzi - dovremo essere capaci di mantenere lo stesso livello di concentrazione tenuto nelle ultime partite e fare una grande prestazione sotto l'aspetto della corsa e dello spirito. Le qualità per colpire non ci mancano". 

Occhio alle individualità di un avversario, quello di De Paola, che in stagione è stato capace di ottenere risultati di grande prestigio: "Indubbiamente, davanti avremo una squadra quadrata e di buon livello che dispone di grandissime potenzialità offensive, specie in Morello, Longo e Scardina, giocatori che possono fare male in qualsiasi momento. Mi ripeto, quindi: livello di attenzione e atteggiamento battagliero faranno la differenza. Mi aspetto una partita molto tattica e non ci saranno regali perché è a tutti gli effetti uno scontro salvezza per entrambi". 

Saltato il turno infrasettimanale, l'Olbia arriva l'impegno più riposata e in grado di mettere in difficoltà il tecnico nelle scelte per determinare l'undici iniziale: "La squadra sta bene e il rinvio della gara con il Como ci ha permesso di preservare energie mentali e fisiche, anche se il programma di preparazione alla sfida di domani non è cambiato. Quanto alla formazione, ho la fortuna di disporre di un gruppo di tanti titolari che, anche in un periodo in cui siamo oggettivamente corti per le assenze, mi permetterà di schierare sempre un undici titolare di livello". 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA