Il futuro di Olbia nelle parole del sindaco Nizzi

di Davide Mosca
Olbia è una città che cresce a ritmi elevati, più di tutte le altre dell’Isola. E lo si vede dalle tante opere realizzate nel 2021, a partire dal bellissimo lungomare, e da quelle che rimangono ancora da realizzare che in buona parte potranno vedere la luce nel 2022. A fare il punto della situazione, nel corso della consueta conferenza stampa di fine anno è stato il primo cittadino, Settimo Nizzi. A partire dalla messa in sicurezza da rischio idrogeologico della città: «Sono oltre tremila pagine, 163 è solo l’indice -ha dichiarato il sindaco- e una quantità mostruosa di gigabyte di dimensioni dei file. Questo è per capire la complessità del piano che la nostra struttura tecnica comunale insieme alla Technital, la ditta che ha vinto l’appalto per la progettazione, ed è per questo motivo che ci sono voluti i tempi necessari».

Sarebbe, poi, pronta anche la variante al Piano di assetto idrogeologico che dovrebbe esser portato in consiglio comunale nel mese di febbraio. Sempre sul fronte delle opere di mitigazione del rischio idrogeologico il sindaco ha poi parlato del rifacimento del ponte di via Vittorio Veneto: «E’ stato appena approvato  il progetto esecutivo per l’abbattimento del ponte tombato e per questo motivo chiederemo alla Procura il dissequestro in modo tale da consentire alle imprese che dovranno eseguire i lavori di effettuare i primi sopralluoghi».  Sempre in tema di completamento di lavori pubblici i primi mesi del 2022 vedranno l’apertura del ponte di via Petta e il completamento del nuovo lungomare: «Abbiamo avuto due mesi di intense piogge -ha proseguito il primo cittadino- e questo ha rallentato la consegna delle opere che avremmo potuto vedere già realizzate».

Nizzi ha poi affrontato la delicata questione della bonifica della discarica di Sa Coroncedda: «Siamo pronti anche su quel fronte, abbiamo stanziato un milione di euro iniziale in modo tale che la ditta incaricata possa cominciare i lavori e anche capire l’entità del danno ambientale. Lì abbiamo in mente di realizzare un parco».

Una particolare attenzione è stata, poi, riservata all’edilizia scolastica: “Siamo in una fase avanzata di realizzazione e in accordo con la provincia abbiamo individuato le aree da espropriare e  accorpare gli istituti e creare una sorta di cittadella, un campus che vedrà lo spostamento del Liceo Mossa, del Gramsci e dell’Ipia.  Per quanto riguarda, invece, l’università a fine gennaio dovrebbero essere appaltati i lavori per la nuova sede cittadina del Polo Universitario di Olbia che troverà spazio a palazzo Giordo nel centro cittadino.

Il sindaco Nizzi on chiusura della conferenza stampa, in risposta alla consueta domanda sul voto da attribuirsi per il lavoro svolto nel 2021 ha risposto con un bel 9: “Non posso darmi di più, in quanto è il primo anno di questo nuovo mandato e c’è molto margine di miglioramento. Tra le altre iniziative per il 2022 vorrei anche aggiungere che abbiamo in mente di acquisire il cinema Astra”.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA