Cultura aeronautica, premiati i tredici migliori studenti di Sassari

OLBIA. Sono stati premiati questo pomeriggio, nei locali dell'Istituto Superiore “Devilla”, i tredici migliori tra i 180 studenti che hanno partecipato al corso di "Cultura aeronautica Città di Sassari". Il presidente del Cosiglio regionale Michele Pais ha consegnato l'attestato alla seconda classicata, Lucia Ibba dell'Istituto Angioy.

Gli studenti, per due settimane, hanno partecipato con entusiasmo e impegno alle attività. Il corso era suddiviso in due fasi: una teorica e una pratica. Durante la prima settimana gli istruttori di volo hanno tenuto lezioni su argomenti quali l’Aerotecnica, l’Aerodinamica, lo studio dell’aeroplano, gli strumenti di bordo, le manovre e tecniche di pilotaggio e la navigazione aerea. Nella seconda parte gli studenti hanno vissuto l'esperienza del volo in formazione con un aereo militare, il Siai U-208, accompagnati dai piloti istruttori di volo del 60° Stormo dell'Aeronautica Militare di Guidonia.

I Corsi di Cultura Aeronautica sono il frutto di un accordo pluridecennale fra lo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) al fine di promuovere e diffondere l’immagine della'Aviazione militare e la cultura del volo presso gli Istituti scolastici delle scuole secondarie di secondo grado, selezionati, ogni anno, in diverse città italiane.

A tutti gli studenti che hanno partecipato all’iniziativa è stato consegnato l'attestato di frequenza che assegna un punteggio di merito per alcuni concorsi in Aeronautica Militare.

I primi due migliori studenti, un ragazzo e una ragazza, che si sono caratterizzati per competenza e abilità potranno partecipare questa estate a uno stage all'Aeroporto di Guidonia e volare con l'aliante Twin Astir.

"Ringrazio l'Aeronautica militare, le scuole, i professori e tutti gli enti coinvolti nell'iniziativa, per aver dato la possibilità a tanti giovani sardi di avvicinarsi al volo in tutte le sue espressioni e opportunità di lavoro, sia in campo tecnico sia di pilotaggio, spesso ritenute irraggiungibili. Opportunità di lavoro che derivano anche dalla scuola di volo internazionale IFTS che l'Aeronautica militare sta avviando presso l'aeroporto di Decimomannu, che può  aprire la via a collaborazioni con gli istituti superiori e con le università sarde", ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Michele Pais, che è un appassionato di volo ed ha conseguito egli stesso il brevetto.

"Questi ragazzi potrebbero essere la prossima generazione di professionisti dell'aviazione, un settore in continua evoluzione che offre nuove opportunità di lavoro e di innovazione", ha concluso Michele Pais.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche