Denunciato per guida stato d'ebbrezza
Cercava prostitute a Olbia Mare

di Antonella Brianda


OLBIA. Era completamento ubriaco e si aggirava in auto per le vie del quartiere di Olbia Mare alla ricerca di una donna disponibile per un rapporto sessuale a pagamento. La notte scorsa, intorno alle ore 23, un cittadino di nazionalità rumena è stato denunciato a piede libero dagli agenti del nucleo di pronto intervento del comando della Polizia Locale di Olbia. L'uomo alla guida di un'autovettura, procedeva con estrema difficoltà a causa dello stato psico-fisico alterato. La macchina effettuava brusche accelerazioni ed imprevedibili inversioni di marcia all’interno del quartiere, tanto da essere notata da numerosi abitanti della zona. L'uomo, oltre ad apparire ubriaco, era molto nervoso, perché non riusciva a trovare in strada ragazze disponibili. In questi giorni, infatti, grazie all'attività degli agenti della Polizia Locale nel quartiere di Olbia Mare, finalizzata al contrasto del fenomeno della prostituzione in strada, si sta registrando la scomparsa di ragazze che adescano i clienti. L'uomo, in via Montale, ha incontrato una giovane coppia che rientrava a casa, ha abbassato il finestrino dell’auto e ha rivolto pesanti apprezzamenti alla ragazza, convinto che si trattasse di una prostituta. I due giovani, visibilmente spaventati, si sono immediatamente rinchiusi nella loro abitazione al piano terra di uno dei palazzi sulla strada. 

Il rumeno ha atteso trenta minuti davanti all’appartamento dei due giovani, fino a quando, spazientito, ha cominciato a suonare il clacson dell’auto. Non ancora soddisfatto, rivolto al ragazzo che con la fidanzata era barricato in casa, ha urlato di fare in fretta perché subito dopo sarebbe stato il suo turno. Sempre gridando chiedeva di essere informato “sulla qualità della prestazione e sul valore della donna”. Le soste dell'uomo davanti a casa dei due giovani sono andate avanti per interminabili minuti. Dopo essere ritornato per l’ennesima volta davanti all’abitazione dei due giovani, il rumeno ha incontrato un vicino di casa della coppia che nel frattempo era sceso in strada allarmato dalle urla. L'uomo, ancora visibilmente ubriaco, ha aggredito verbalmente il vicino di casa arrivato in soccorso della giovane coppia, urlandogli che se anche quest’ultimo attendeva che la ragazza si liberasse per consumare un rapporto sessuale, avrebbe dovuto aspettare il proprio turno, perché prima c’era lui. 

Inoltre, dando per scontato che l’uomo fosse un cliente abituale ad Olbia-mare, pretendeva “informazioni sul tariffario  e sull’elenco delle prestazioni”. Il vicino di casa dei ragazzi ha allertato la centrale operativa di questo Comando. In pochi minuti è giunta sul posto una pattuglia del nucleo di pronto intervento e il cittadino rumeno è stato bloccato e accompagnato negli uffici del Comando. L’uomo è stato denunciato per guida sotto l’effetto di bevande alcoliche. La sua auto è stata sottoposta a sequestro e sarà confiscata. Per il reato contestatogli rischia fino ad un anno di arresto e un’ammenda di seimila euro. Inoltre, gli è stata ritirata la patente di guida.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS