Record di presenze per il Festival del cinema di Tavolara

OLBIA. Si è conclusa ieri, domenica 23 luglio 2017 la 27esima edizione del Festival del Cinema di Tavolara con un record di presenze: un numerosissimo pubblico di appassionati ha partecipato entusiasta alle serate di proiezione dei film nelle località della rassegna, San Teodoro, Porto San Paolo e Isola di Tavolara, e durante gli e durante incontri pomeridiani della piazzetta di Porto San Paolo, in compagnia degli ospiti del festival.

Anche quest’anno la rassegna cinematografica ha potuto contare sul supporto tecnico e finanziario di partner pubblici e privati per realizzare una serie di eventi ed iniziative nei giorni di programmazione in 5 differenti località del nord Sardegna: Olbia, Porto Rotondo, San Teodoro, Porto San Paolo e Isola di Tavolara.
A deliziare il pubblico, Geppi Cucciari, artista poliedrica e cara amica del Festival. Con la sua ironia, sintesi di grande intelligenza ed elevata sensibilità, Geppi Cucciari ha regalo al Festival di Tavolara e ai presenti non solo momenti di intrattenimento ma anche di riflessione, soprattutto su temi legati al territorio come il rispetto dell’ambiente e la sua tutela; il rapporto tra i turisti e gli autoctoni caratterizzato spesso da fraintendimenti tra le parti; ed infine l’invito a visitare la nostra terra, da nord a sud, da est ad ovest, per scoprire le numerose bellezze naturali dei nostri luoghi.

L'edizione di quest' anno ha presentato, come da tradizione, i film tra i più interessanti e popolari della stagione cinematografica italiana insieme ad anteprime nazionali di film stranieri, e ha visto la partecipazione di attori, registi e produttori, da Jasmine Trinca a Pierfrancesco Favino, da Lino Guanciale a Walter Veltroni, da Gianfranco Gallo a Sou Abadi, da Michele Rho a Vincenzo Alfieri, da Anna Ferzetti a Peter Marcias e Donatella Botti, da Egidio Trainito a Cristina Donadio.
Un’edizione, anche questa, che porta la firma di Piera Detassis, la direttrice artistica del festival legata all’evento da un longevo e appassionato rapporto che dura ormai da 26 anni.
Gli enti e le istituzioni che sostengono Una notte in Italia
Il Festival del Cinema di Tavolara, ideato da Marco Navone e con la direzione artistica di Piera Detassis, è organizzato delle Associazioni Argonauti e Cinematavolara in collaborazione con CIAK e Sky Arte HD, ed è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Ministero dell’Ambiente, dall’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo, dalla Regione Autonoma della Sardegna, con gli Assessorati alla Cultura e al Turismo e dai tre Comuni coinvolti: Olbia, San Teodoro e Loiri - Porto San Paolo.
Patrocini e Partner
Il Festival di Tavolara è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dal Ministero dell’Ambiente, dall’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo, dalla Regione Autonoma della Sardegna, con l’Assessorato alla Cultura e l’Assessorato al Turismo e dai tre Comuni del territorio coinvolto: Olbia, San Teodoro e Loiri - Porto San Paolo.
A sostenere l’evento, presente nel circuito degli eventi cinematografici in Sardegna, Le isole del cinema, la Fondazione di Sardegna, Eni, Sinergest, Moys Marina di Olbia, Edugov, Moby, Tirrenia, L’oreal Paris, Immobilsarda, Cantine delle Vigne di Piero Mancini, la Sardegna Film Commission e il Consorzio di Porto Rotondo.
Da segnalare che, dal 2008, “Una notte in Italia” è diventato un capitolo di un più ampio progetto: “Le isole del cinema”, quattro festival sui diversi aspetti creativi del cinema in Sardegna. Da 3 anni il festival di Tavolara è diventato Green, secondo le direttive dei Green Meeting (Convention Industry Council’s Green Meeting Report).
 


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione