Impresa della Dinamo che rimonta su Brescia e vince 95-87

OLBIA. È una Dinamo agguerrita, indomita, che non si perde mai d’animo: al PalaSerradimigni i giganti centrano la tredicesima vittoria consecutiva incorniciano una prestazione incredibile, con cinque uomini in doppia cifra. Dopo essere partiti con energia e aver chiuso il primo tempo avanti, Devecchi e compagni subiscono l’offensiva lombarda che firma un terzo quarto perfetto con percentuali incredibili dai 6,75. Dopo essere stati sotto di 12 e senza Pozzecco, sanzionato con due tecnici, i giganti mettono in campo tutto: energia, cinismo, attributi, cuore. Trascinati da un super Rashawn Thomas, a segno con 30 punti, e dall’energia della compagine italiana Spissu (17 pt), Polonara (10) e Gentile (12), il Banco risale la china e mette la testa avanti regalando al suo pubblico una vittoria monumentale.

Coach Pozzecco manda in campo Smith, Carter, Pierre, Thomas e Cooley, coach Diana risponde con Hamilton, Abass, vitali, Beverly, Moss. È un super Rashawn Thomas (autore di 12 punti in 10’) ad aprire il match mettendo a referto i primi punti per il Banco, Brescia risponde con Abass ma i giganti si portano avanti con Cooley e Carter. Moss sblocca i suoi ma i sassaresi sono fluidi in attacco e scrivono il +6 con Spissu. Un gioco da ttre punti di Vitali riporta gli ospiti a contatto, 2+1 di Pierre. Botta e risposta dall’arco tra Moss e Thomas: il giocatore originario di Oklahoma infila due triple che danno respiro ai giganti. Abass conduce i suoi firmano un minibreak di 4-0, Polonara si iscrive a referto attaccando il ferro. Spissu alza l’alleyoop per Pierre che inchioda la schiacciata e chiude il primo quarto 25-17. Nel secondo quarto Cunningham e Sacchetti accorciano ma un parziale da 8-2 scrive il vantaggio in doppia cifra per i giganti. La monumentale rubata del capitan Devecchi serve Spissu dall’arco per la bomba del 34-24. La reazione lombarda è condotta da Abass con bombarda dai 6.75 dimezzando lo svantaggio. L’ex Sacchetti riporta i suoi a un possesso di distanza a cronometro fermo: Pierre e Thomas tengono il Banco avanti. Polonara chiude il primo tempo 41-38. La Germani rientra dall’intervallo lungo determinata a invertire l’inerzia del match: gli uomini di coach Diana piazzano un break di 11-2 infilando 5 bombe che scrivono il +10 lombardo. I giganti suonano la carica con Spissu e Smith dall’arco, ma Brescia resta avanti condotta dalle prestazioni balistiche incredibili. Thomas e Pierre accorciano, Vitali ricaccia indietro i giganti dall’arco. Il secondo tecnico sanzionato a coach Pozzecco lo costringe ad abbandonare il campo. Pierre chiama a raccolta i compagni e firma un parziale di 7-3. Anche Polonara si unisce alla causa, al 30’ Brescia avanti 64-72. Negli ultimi dieci minuti i giganti sono pronti a lottare: apre la frazione Cooley dalla media, lo segue Gentile dall’arco. Abass trascina gli ospiti e riscrive il vantaggio in doppia cifra. Parziale biancoblu con Spissu dai 6.75, Cooley e 5 punti di Gentile e il Banco è a contatto (79-83). Thomas dalla media riporta i suoi a un possesso di distanza con 4’ da giocare, Beverly dà respiro agli ospiti ma Gentile non sbaglia in lunetta. La schiacciata di Thomas dice 85 pari con 1’48’’ da giocare. È il numero 25 a infilare il canestro del sorpasso sassarese, punto numero 27: il PalaSerradimigni esplode. Thomas non si ferma più e ne scrive 30, Gentile e Thomas allungano in lunetta. Vitali viene espulso per un brutto fallo su Spissu che monetizza dalla lunetta con 14’’ da giocare. Il play sassarese chiude la partita dalla lunetta: i giganti si impongono 95-87 centrando forse la vittoria più bella e il tredicesimo risultato consecutivo.

Sala stampa. Il commento del tecnico della Leonessa coach Andrea Diana: “Una bella partita giocata da entrambe le squadre, complimenti a Sassari per come l’ha vinta, c’è tanto rammarico da parte nostra visto l’approccio del terzo quarto. Chiaramente nell’ultima frazione abbiamo sofferto l’energia sassarese, i 21 rimbalzi offensivi concessi e le 13 palle perse in una partita punto a punto vanno a pesare sul risultato finale, ci è mancato il cinismo giusto per allungare e chiuderla”.

Il commento dell’assistant coach biancoblu Edoardo Casalone: “Intanto voglio cominciare con il ringraziamento da parte di Gianmarco Pozzecco ai ragazzi che oggi hanno disputato una partita pazzesca e le statistiche dell’ultimo quarto lo dimostrano. Più dei 31 punti realizzati nell’ultima frazione saltano all’occhio i soli 15 punti subiti, siamo riusciti a portare a casa una vittoria importantissima anche grazie al nostro splendido pubblico che è entrato in campo con noi nei momenti decisivi del match. Non molliamo mai e, più delle individualità, credo sia questa la nostra grande forza.

Il giocatore della Leonessa e indimenticato ex Brian Sacchetti: “Complimenti alla Dinamo per aver vinto una partita non facile, dopo l’espulsione del coach si sono chiusi, hanno inasprito la difesa e hanno aumentato l’intensità riuscendo a recuperare pian piano. A noi è mancata la lucidità durante la loro rimonta, obiettivamente hanno meritato di vincere”.

Il play sassarese Marco Spissu: “È stata una partita un po’ particolare, siamo partiti bene poi ci siamo fatti riprendere. Nel terzo quarto hanno preso un bel vantaggio ma grazie alla nostra energia siamo tornati in vantaggio, con il grande aiuto del pubblico. Abbiamo giocato con la testa leggera, senza pensare troppo, come ci aveva detto coach Poz, dosando bene le energie e sfruttando l’inerzia dalla nostra. Negli ultimi minuti abbiamo mantenuto la lucidità con un grande gioco di squadra, andando in contropiede, correndo e segnando canestri importanti. Poi Rashawn in questo momento è immarcabile quindi speriamo faccia canestro così anche tra qualche giorno. L’abbiamo portata a casa, sono 2 punti fondamentali per noi. Vivo questo momento con i piedi ben saldi per terra ma con la testa rivolta verso l’alto, stasera festeggerò un po’ ma poi testa a Wurzburg, mercoledì c’è una finale da vincere”.

Dinamo Banco di Sardegna 95 – Leonessa Brescia 87

Parziali:25-17; 16-21; 23-24;31-15.

Progressivi:25-17; 41-38; 64-72; 95-87.

Dinamo Banco di Sardegna. Spissu 17, Smith 3, Bamforth, Carter 2, Devecchi, Magro, Pierre 13, Gentile 12, Thomas 30, Polonara 10, Cooley 8. All. Gianmarco Pozzecco

Leonessa Brescia. Hamilton 15, Abass 32, Veronesi, Vitali12, Laquintana 2, Cunningham 4, Caroli, Beverly 2. Zerini 2, Moss 11, Sacchetti 7. All. Andrea Diana
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA