Michela Murgia incassa un grande successo a Santa Teresa Gallura

OLBIA. Una escursione letteraria di un’ora e mezza per una prima assoluta davanti al pubblico di Santa Teresa: Michela Murgia, lunedì sera, ha presentato il suo ultimo libro “Noi siamo tempesta” nel teatro Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura. L’appuntamento, inserito all’interno della rassegna letteraria “I monumenti incontrano la lettura” organizzata dalla Cooltour Gallura, ha dato modo alla scrittrice sarda di presentare un suo libro per la prima volta nel paese costiero gallurese. L’evento, inoltre, è stato inserito anche nel cartellone della rassegna itinerante “Entula” predisposta dall’associazione culturale Lìberos. Michela Murgia ha parlato con grande passione del suo lavoro e si è soffermata a lungo sulla genesi di “Noi siamo tempesta”: “Si tratta di un libro che contiene 16 storie basate su fatti realmente avvenuti – ha spiegato l’autrice – il filo conduttore di queste storie è una dinamica poco raccontata, poco rappresentata: quella di raggiungere degli obiettivi facendo gruppo. Vincere delle sfide unendosi e lavorando assieme.

In contrapposizione con la figura dell’eroe solitario che ottiene qualsiasi risultato grazie a dei superpoteri o a capacità straordinarie”. Michela Murgia ha spiegato al pubblico di Santa Teresa che nell’età della formazione di una persona si sottopone continuamente al bambino, o al ragazzo, la storia dell’uomo che si è fatto da sé. Contro tutto e tutti. La forza del singolo da idolatrare e, possibilmente, da imitare. “La società individualista propone sempre questo modello, e non ci sono alternative da offrire ai nostri ragazzi – ha detto la Murgia – mio padre, per esempio, non faceva che dirmi di non fidarmi di nessuno, di prefissarmi un obiettivo e di lavorare da sola per raggiungerlo. Io in questo libro propongo invece 16 storie in cui si valuta la forza del collettivo”. La raccolta di racconti, però, non è rivolta solo ai più giovani: “Si tratta di un libro per tutti. Ho voluto scriverlo per i ragazzi ma anche per i loro genitori, e rivolgendomi ai maschi come alle femmine. E non ci sono temi tabù. Ho scritto anche di morte, di dolore, di storie traumatiche, perché sono convinta che questi argomenti debbano essere raccontati – nel giusto modo – anche ai più giovani”. La scrittrice ha chiuso il suo intervento parlando della capacità di molti scrittori italiani di unirsi e di collaborare all’interno di un unico movimento intellettuale che sta prendendo posizioni molto forti anche sui temi politici di più stretta attualità.

“I monumenti incontrano la lettura” è realizzato grazie alla Fondazione di Sardegna, con il patrocinio dei Comuni di Aggius, Santa Teresa e Aglientu e in collaborazione con Avis Santa Teresa e la Cooperativa Beddula, sempre di Santa Teresa.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS