Acqua non potabile in zona aeroporto a Olbia, nuova ordinanza comunale

OLBIA. In seguito alla comunicazione trasmessa dalla Asl al Comune di Olbia che evidenzia come gli esiti degli esami delle acque analizzate non siano conformi ai parametri previsti per legge, il sindaco Settimo Nizzi, come prevede la normativa, ha emesso l’ordinanza di non potabilità.
L’ordinanza n. 51 prevede il divieto dell’utilizzo ai fini alimentari dell’acqua erogata nella località Aeroporto di Olbia ovvero, così come confermato dal personale incaricato da Abbanoa sentito per le vie brevi, la zona commerciale dell’area e la zona a destra dell’aeroporto, verso “Città Mercato”.

L’acqua attualmente non è ritenuta idonea come bevanda e per l’incorporazione negli alimenti quando rappresenta l’ingrediente principale (ad esempio per la preparazione di zuppe e minestre), mentre è consentito l’utilizzo per il lavaggio di verdure, ortaggi, frutta e per l’igiene della persona e della casa. È già attivo h 24 il servizio di autobotte predisposto da Abbanoa presso la rotatoria di fronte alla Auchan. Il divieto è valido fino alla comunicazione da parte della ASL n. 2 di Olbia dell’avvenuto ripristino delle condizioni di conformità dell’acqua erogata ai parametri di legge.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS