Emergenza rifiuti a Olbia, la minoranza protocolla richiesta per consiglio comunale urgente

OLBIA. La minoranza consiliare unita, comunica che ieri ai sensi dell’art. 6 del regolamento Consiliare è stata inviata via pec la richiesta di convocazione urgente di un Consiglio Comunale avente ad oggetto l’Emergenza rifiuti nel Comune di Olbia. “Stante l’assoluta  drammaticità della situazione emersa di recente  nel sito de Sa Corroncedda e Sa Piana Manna anche grazie ad alcuni comitati di cittadini, si è richiesto che il Consiglio si svolga per una prima parte in seduta aperta agli interventi dei cittadini, a cui segua la seduta formale del consiglio comunale con unico punto la Mozione consiliare avente sempre ad oggetto l’Emergenza Rifiuti, che nelle prossime ore verrà protocollata. Come noto, più volte, intervenendo in Consiglio, i consiglieri comunali di minoranza hanno sottolineato l’indecoroso stato in cui versa il nostro territorio, che vede purtroppo il moltiplicarsi ogni giorno di discariche abusive. Alle denunce dei consiglieri e dei cittadini questa maggioranza ha sempre fatto “orecchie da mercante”, omettendo di porre in essere azioni concrete a contrasto del crescente degrado diffuso in città e nell’agro. Riteniamo che per tale ragione, stante il danno economico creato (ci vorranno milioni di euro per smaltire quanto accumulato a Sa Piana Manna) unito a quello incalcolabile d’immagine creato ad “Olbia Città Turistica”  la stessa maggioranza debba rassegnare le dimissioni per manifesta incapacità ad amministrare.   Quanto detto anche alla luce della totale assenza da parte del Comune di Olbia di una politica ambientale tesa a sensibilizzare tutti i cittadini ( in particolare i più piccoli) sui fondamentali temi ambientali che stanno interessando tutta l’umanità.
     I consiglieri di Minoranza:
Davide Bacciu    Patrizia Desole     Ivana Russu     Rino Piccinnu     Massimo Satta

Antonio Loriga   Amedeo Bacciu      Roberto Ferinaio       Maria Teresa Piccinnu”
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA