Golfo Aranci

Tre persone arrestate per rissa aggravata in via La Marmora a Olbia

OLBIA. Nell’ambito di servizi di controllo del territorio finalizzati al contrasto di reati contro la persona e il patrimonio, oltre che al contrasto allo spaccio di stupefacenti, nella notte i Carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia, coordinati dal comandante Davide Crapa, hanno proceduto all'arresto di tre persone responsabili di rissa aggravata. Nello specifico, un primo episodio, avvenuto in piazza Mercato in tarda serata, abituale meta di molti giovani nel centro storico, ha reso necessario l'intervento di due pattuglie della Sezione Radiomobile. Nel corso del servizio, su richiesta della Centrale Operativa, i militari sono intervenuti sul posto per identificare alcuni giovani, italiani e stranieri, intenti ad affrontarsi con lancio di bottiglie e lattine. L’accadimento, sorto probabilmente per futili motivi, non ha causato danni a persone o cose.

Il secondo episodio, verificatosi in via La Marmora, è stato segnalato al 112 da una cittadina testimone di una violenta lite tra tre ragazzi. I militari della Sezione Radiomobile coadiuvati da una terza pattuglia della Stazione di Olbia Centro, intervenuti prontamente sul posto, hanno dapprima identificato uno dei soggetti coinvolti, un giovane 21enne originario del Burkina Faso (che ha riportato la frattura del setto nasale, traumi contusivi vari e un taglio al volto), e successivamente rintracciato le altre due persone coinvolte (due fratelli italiani rispettivamente di 21 e 28 anni, con precedenti di polizia). Nei confronti dei tre giovani si è proceduto all'arresto in flagranza di reato. Il giovane africano, ospite di un centro di accoglienza e per il quale non potevano dunque garantirsi le esigenze cautelari, è stato trattenuto in camera di sicurezza, mentre i due ragazzi italiani sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, tutti in attesa dell’udienza di convalida.  
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione