Golfo Aranci

Con la Lucchese finisce 0-0, i bianchi conquistano un punto in classifica

OLBIA. Quando non si riesce a vincere, è importante non perdere. È con questa massima che l'Olbia lascia il comunale di via Ungheria al termine della sfida giocata contro la Lucchese valida per il recupero dell'8ª giornata giornata. Un pareggio a reti bianche, quello maturato al Nespoli, che non può certo lasciare soddisfatta la truppa di mister Canzi, ma che quanto meno consente di mantenere inalterate in classifica le distanze dalla squadra di Lopez: l'Olbia sale a quota 8 e scavalca la Giana Erminio, la Lucchese avanza a quota 3.

Rispetto alla gara vinta a Pistoia, l'Olbia si presenta in campo con la sola variante rappresentata da Demarcus al posto di Pennington, ma a pochi istanti dall'inizio si rende necessario l'avvicendamento Gagliano-Udoh, con quest'ultimo, inserito in formazione, fermatosi nel riscaldamento per un fastidio all'adduttore. Pronti via e la Lucchese, al 6' e al 9', chiama Tornaghi al primo intervento con un tiro-cross velenoso di Adamoli e una conclusione di Bianchi. Con il passare dei minuti la sfuriata rossonera si attenua e l'Olbia avanza il baricentro sfruttando la fisicità e le geometrie di Giandonato. Al 29', però, è ancora Tornaghi a rendersi protagonista, salvando la porta dall'incursione centrale di Adamoli. L'Olbia risponde 3' dopo proprio con il suo numero 10, che lascia partire un diagonale spentosi di un soffio a lato.

Nella ripresa i padroni di casa cercano di cambiare passo e al 48' avrebbero subito l'occasione di portarsi avanti: palla dentro per Gagliano che scappa alle marcature dei centrali ma perde il tempo della conclusione facendosi chiudere lo specchio dall'ottimo Coletta. Dopo aver rischiato il fattaccio al 59' per un retropassaggio fuori misura di Altare, i bianchi iniziano a presidiare sistematicamente nella metà campo avversaria, provando a scardinare le mandate degli ospiti con un giro palla orchestrato da Ladinetti. Canzi prova a rifornire la squadra di forze fresche con gli ingressi di Ragatzu e Arboleda poco dopo l'ora di gioco e al 72', al termine di un'azione manovrata, proprio Ragatzu va al tiro dal centro-sinistra spedendo la palla di poco a lato.
Nonostante la pressione costante, l'Olbia non riesce a scalfire la muraglia rossonera. È al 90', quindi, che la penna torna a macchiare il taccuino. Protagonista è La Rosa che prima chiama Coletta a un colpo di reni prodigioso su uno splendido tiro a effetto dal limite. E poi, sugli sviluppi del corner, conclude da posizione ravvicinata trovando il portiere toscano ancora attento e ben posizionato. Con la ghiotta punizione dal limite che vede il centrale olbiese in battuta a pochi secondi dalla fine si chiude una gara che lascia per terra qualche rimpianto ma anche la consapevolezza di aver dato continuità al risultato di domenica.

Prossima tappa: Carrara. Domenica 22 novembre.
TABELLINO

Olbia-Lucchese 0-0 | Recupero 8ª giornata
OLBIA: Tornaghi, La Rosa, Emerson (88’ Di Paolo), Altare, Demarcus (62’ Arboleda), Lella (69’ Pennington), Ladinetti, Giandonato (62’ Ragatzu), Cadili, Marigosu, Gagliano. A disp.: Van der Want, Pitzalis, Dalla Bernardina, Secci, Cossu, Occhioni, D'Agostino, Udoh. All.: Max Canzi
LUCCHESE: Coletta, Benassi, De Vito, Dumancic, Adamoli, Sbrissa (46’ Ceesay), Caccetta (46’ Signori), Kosovan, Panati (57’ Papini), Bianchi, Nannelli (86’ Molinaro). A disp.: Biggeri, Lo Curto, Solcia, Bartolomei, Forciniti, Meucci, Scalzi, Moreo. All.: Giovanni Lopez.
ARBITRO: Francesco Cosso (Reggio Calabria). Assistenti: Emanuele De Angelis (Roma 2) e Milos Tomasello Andulajevic (Messina). Quarto ufficiale: Flavio Fantozzi (Civitavecchia).
AMMONITI: 59’. Benassi (L), 68’ Dumancic (L), 82’ Marigosu, 83’ Kosovan (L)
NOTE: Giornata soleggiata e temperata. Gara giocata a porte chiuse. Recupero: 2’ pt, 3’ st.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Campionato Italiano Raid TT 2020