Ricerca: lo studio, per i Neanderthal meno traumi del previsto

salute
AdnKronos
Roma, 15 nov. (AdnKronos Salute) - Altro che scontri continui, armati di clave. La vita degli uomini di Neanderthal, vissuti fra 200.000 e 40.000 anni fa, e quella dei Sapiens, i più 'moderni' esseri umani del Paleolitico Superiore, vissuti fra 80.000 e 20.000 anni fa, aveva lo stesso livello di violenza. Lo dimostra un'analisi dei traumi fisici, in particolare alla testa, rilevati dallo studio dei resti arrivati fino a noi. Un lavoro, pubblicato su 'Nature', che smonta lo stereotipo secondo cui i Neanderthal vivessero in modo molto più pericoloso e violento dei 'cugini' Sapiens.L'analisi degli scheletri condotta dal team dell'Università di Tubinga (Germania) è stata effettuata confrontando le lesioni alla testa fra Neanderthale e Sapiens, usando oltre 800 campioni. Gli autori hanno registrato la presenza di traumi, il sesso, l'età, il grado di conservazione degli scheletri e la localizzazione di ogni soggetto, confrontando la prevalenza di lesioni alla testa nei due gruppi. Ebbene, il team non ha rilevato differenze, anche se in entrambi i gruppi i maschi presentavano più spesso traumi cranici rispetto alle femmine.

Leggi anche