Investimenti Qatar in Costa Smeralda
Reazioni Gruppo Intervento Giuridico

di Antonella Brianda


OLBIA. A poche ore dalla notizia del via libera al piano di investimenti da un miliardo di euro proposto dall'emiro del Qatar in Costa Smeralda, arrivano le prime reazioni del Gruppo di Intervento Giuridico. "Niente 'Costa Smeralda 2' ma solo stazzi ristrutturati in base al piano casa". E' il commento degli attivisti. "Come previsto da mesi", afferma il responsabile dell'associazione ecologista Stefano Deliperi, "la montagna ha partorito il topolino". Il risultato - è scritto in un comunicato - era preannunciato da una nota del Comune di Arzachena con la quale viene detto al Servizio valutazione impatti della Regione che "agli atti ... non risulta presentato alcun programma di investimenti turistico-edilizi da Soc. immobiliari facenti capo alla Qatar Holding", ma solo "singole richieste di ampliamento di fabbricati 'rurali' ubicati fuori dal centro urbano (e/o frazioni) ai sensi della L.R. n. 4/2009 (Piano Casa)". 


"E gli interventi immobiliari sbandierati per mesi come il toccasana per l'economia sarda con ben un miliardo di euro di investimenti?" chiede Deliperi che domanda anche dove siano "500 mila 'nuovi' metri cubi, un hotel Harrods con 150 stanze a Liscia Ruja, uno al Pevero con 90 stanze, un family hotel con 200 stanze, uno per clientela giovane con 90 stanze, 70 residenze di lusso, 30 di extra-lusso, una pista di go-kart, il restyling dei quattro hotel 'storici' e l'antropizzazione, pardon, la valorizzazione di zone ora integre di Razza de Juncu e Monte Zoppu". In pratica restano "solo 27 ristrutturazioni di altrettanti stazzi, dei quali tre nel territorio comunale olbiese, già presentate all'approvazione in base al piano per l'edilizia". 


Secondo gli ecologisti "delle due l'una: o il piano da un miliardo di euro della Qatar Holding è una balla colossale, oppure si tratta di un banale tentativo di aggirare normative comunitarie, nazionali, regionali, nonché la giurisprudenza costante che richiedono la valutazione unitaria degli impatti sull'ambiente del complessivo programma di interventi turistico-edilizi". 



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA