Stagione venatoria in Sardegna
Ambientalisti ricorrono al Tar


OLBIA. Il calendario della prossima stagione di caccia in Sardegna è stato impugnato davanti al Tribunale Amministrativo Regionale per mancanza di un piano faunistico-venatorio e della procedura di valutazione d'incidenza ambientale dell'attività venatoria nei siti d'importanza comunitaria e nelle zone di protezione speciale. Il ricorso presentato da Lega per l'abolizione della caccia, dall'Associazione vittime della caccia e da Earth, tramite l'avvocato Massimo Rizzato del foro di Vicenza, chiede la sospensione del calendario deliberato a luglio dal Comitato faunistico regionale e poi adottato con decreto assessoriale. Secondo quanto sostengono le associazioni ecologiste, non sarebbe stato acquisito il parere preventivo dell'Ispra, l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. Contro il calendario venatorio regionale, il 16 luglio scorso, avevano presentato ricorso alla Commissione europea e a quella per le petizioni del Parlamento Europeo anche le associazioni ecologiste Amici della Terra, Gruppo d'Intervento giuridico, assieme alla Lega per l'abolizione della caccia.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS