L'Amerigo Vespucci in sosta a Cagliari dal 21 al 23 giugno

OLBIA. La nave scuola Amerigo Vespucci della Marina Militare sosterà a Cagliari dal 21 al 23 giugno, dopo tre anni di lontananza dal capoluogo sardo. Per l’occasione venerdì 21 giugno, alle 11.30, il comandante del veliero, capitano di vascello Stefano Costantino, terrà una conferenza stampa a bordo per presentare la nave e le attività che la vedranno protagonista durante la sosta.

La “nave più bella del mondo”, come viene definita da molti, dopo aver toccato i porti di Taranto, in occasione delle celebrazioni della “Giornata della Marina”, e Catania, continua la prima fase della Campagna d’istruzione 2019. Lo scopo della campagna è quello di addestrare gli Allievi Volontari in Ferma Prefissata Quadriennale (VFP4) della Scuola Sottufficiali di La Maddalena e, al contempo, portare in giro per il mondo i valori e la storia della Marina Militare, oltre a rappresentare una delle eccellenze del nostro Paese.

Durante il periodo a bordo i 98 Allievi marinai, tra cui 28 donne, sono impegnati in numerose attività didattiche ed addestrative nell’ambito delle discipline marinaresche e della formazione etico-militare, al fine di far propri i valori di fedeltà, disciplina e senso del dovere e acquisire l’importanza del lavoro di squadra, che caratterizza ogni marinaio nell’assolvimento dei compiti della forza armata al servizio della collettività.

Dopo la sosta a Cagliari nave Vespucci raggiungerà Livorno, città in cui imbarcherà gli Allievi della 1ª Classe dell’Accademia Navale per dare inizio alla loro Campagna d’Istruzione. Quest’anno i Cadetti, durante i tre mesi circa di navigazione, avranno la possibilità di veleggiare dall’Oceano Atlantico e Nord Europa fino al Mar Baltico.

Durante la sosta l’unità, ormeggiata presso il molo Ichnusa, sarà aperta alle visite a bordo a favore della popolazione nei seguenti giorni e orari:

- Venerdì 21 Giugno: dalle ore 15.30 alle ore 20.30;

- Sabato 22 Giugno: dalle ore 14.00 alle ore 19.00.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA