Operazione congiunta di Guardia Costiera e Polizia locale sulla spiaggia di Marinella

OLBIA. Tre mezzi, 10 uomini, 12 sanzioni e sequestri per un totale di 30.000 euro di sanzioni e oltre 900 pezzi di merce sequestrata a venditori abusivi presso la spiaggia di Marinella del Comune di Olbia. Questi i numeri di un’operazione congiunta portata avanti dalla Polizia Municipale di Olbia al Comando del Dott. Giovanni Mannoni, con la collaborazione della Guardia Costiera di Golfo Aranci e della Delegazione di Spiaggia di Porto Rotondo al Comando del Mar.Giampaolo Izzo, coordinati dalla Direzione Marittima di Olbia.

Infatti, nei giorni scorsi sono giunte alcune segnalazioni da parte di operatori balneari e turisti circa la presenza di numerosi venditori ambulanti non autorizzati presso la spiaggia di Marinella. Per questo il Comando Polizia Locale di Olbia ha coordinato questa operazione di controllo chiedendo la collaborazione degli uomini in divisa bianca, conoscitori della spiaggia e dei sentieri dove gli abusivi solitamente transitano e nascondono la merce. L’operazione ha visto prima l’intervento di 5 uomini in “servizio incognito” i quali, individuati i venditori e localizzata la merce, richiedevano l’intervento di altri 5 uomini in divisa che procedevano alla contestazione degli illeciti ed al sequestro della merce.

Ai trasgressori è stata contestata la violazione della Legge Regionale sul Commercio n. 05/2016, con sanzioni fino a 5000 Euro. La merce sequestrata è relativa a vestiti da mare, foulard, borse, bracciali, collane, giochi da spiaggia, tutto materiale di bassa qualità e non conforme alle Normative Europee. L’invito da parte delle forze di polizia è di non comprare merce non conforme o contraffatta per non alimentare i mercati abusivi, anche perché la merce oltre ad essere di scarsa fattura è talvolta anche pericolosa in termini igienico-sanitari.

L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio TROGU, continua nelle attività di controllo per la sicurezza della balneazione anche in collaborazione con altre forze di polizia. Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS