Le "donne" della pianista Sade Mangiaracina conquistano Porto Rotondo

di Davide Mosca
OLBIA. Una stella brilla più di altre nel firmamento degli eventi di questa estate. E’ il concerto della pianista siciliana Sade Mangiaracina, che ieri a Porto Rotondo ha catturato le emozioni dei presenti. Nel sito archeologico della Torre Costiera di Porto Rotondo, con la luna, le stelle e i fuochi d’artificio a far da cornice. La musicista, in compagnia di Marco Bardoscia al contrabbasso e Gianluca Brugnano alla batteria, hanno presentato “Le mie donne” il lavoro dedicato a otto grandi donne della storia con una galleria di ritratti femminili: Rosa Parks, Amelia Hearheart, Coco Chanel, Anna Frank, Mala Yousafzai, Rita Atria, Frida Kahlo, Aung San Suo Kyi. Ma anche un omaggio al grande Nelson Mandela.  Il mix tra piano, contrabbasso e batteria è perfetto per un jazz di classe che regala linee melodiche orecchiabili e canticchiabili. E poi all’improvviso i fuochi d’artificio inattesi di un altro evento, proprio lì sul mare, mentre la pianista siciliana sferzava gli 88 tasti del pianoforte a coda tra ritmi vertiginosi. Una magia che ha lasciato spazio anche all’entrata in scena di Paolo Fresu che si è inserito nell'atmosfera creato dal trio regalando un momento musicale di grandissimo livello.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica

SIDDURA TÌROS